Pedaggi di Pedemontana, cosa succede dal 1° luglio?

A luglio scattano aumenti su molte tratte autostradali italiane, rincari congelati a inizio anno. Quello che succederà su Pedemontana però ancora non è chiaro

Generico 2018

Il 1 luglio è una data che gli automobilisti potrebbero non digerire: scattano infatti gli aumenti previsti per il 2019 su tante autostrade italiane. Si tratta dei rincari che normalmente vengono effettuati il 1° gennaio ma che per quest’anno sono stati congelati per 6 mesi. E se da un lato ci sono concessionari che si preparano a rivedere i listini al rialzo e dall’altro altri confermano lo stop (come Serravalle per le tangenziali di Milano), la nostra Pedemontana rimane ancora in un limbo.

La certezza è una: i pedaggi non aumenteranno, perchè sono già aumentati. Sulla A36 sono scattati alla mezzanotte di capodanno mentre sulle due tangenziali di Varese e Como un mese più tardi. Quel ritardo è stato dovuto dal fatto che nel frattempo la società ha preparato un sostanzioso piano di sconti che per alcune categorie ha portato il costo dei transiti a dimezzarsi. Un progetto che però non è strutturale ma che è stato avviato nella modalità di una sperimentazione con una data di scadenza ben precisa: 30 giugno. Dal 1° luglio quindi il rischio è che il piano di sconti venga abolito e che quindi il pedaggio rincarato vada a regime.

In questo senso, però, da Pedemontana fanno sapere che è altamente probabile una proroga e che è quasi certo che almeno per luglio avverrà. Anche se al momento non c’è nulla nero su bianco la società sarebbe al lavoro per valutare una nuova fase di sconti. Quali, per quali tipologie di utenti e di che entità saranno al momento non è ancora noto. I tecnici sono infatti al lavoro per analizzare i dati di questa sperimentazione e poi il dossier dovrà arrivare sul tavolo del consiglio di amministrazione della società ed essere approvato. Un iter che dovrà essere svolto in tempi molto stretti per riuscire a diventare operativo prima di girare pagina al calendario.

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 21 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore