Agente indagato: avrebbe sottratto armi sotto sequestro

E' stata la stessa Polizia cantonale a chiedere l'intervento del Ministero pubblico dopo una serie di accertamenti amministrativi. Per l'agente è stata chiesta la sospensione dal servizio

L'arsenale sequestrato in Canton Ticino

(Nella foto d’archivio: armi sequestrate in Canton Ticino)

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale ticinese comunicano che, in seguito a una serie di accertamenti amministrativi relativi alla gestione di oggetti sequestrati nell’ambito di inchieste penali, e in particolare di alcune armi, sono state riscontrate delle irregolarità.

Situazione che, su segnalazione della stessa Polizia cantonale al Ministero pubblico, ha poi portato all’apertura di un procedimento penale nei confronti di un agente della Polizia cantonale.

L’inchiesta, subito avviata e nelle fasi iniziali, si concentra in particolare sulle ipotesi di reato di appropriazione indebita e sottrazione di cose requisite o sequestrate. Gli accertamenti sono coordinati dal Procuratore generale Andrea Pagani.

Parallelamente, il Comando della Polizia cantonale ha già intrapreso i necessari provvedimenti proponendo la sospensione dell’agente all’Autorità di nomina.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 agosto 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore