Maltempo, “almeno 200 mila euro i danni“

La stima per difetto del sindaco. Ma su tutto il Verbano lombardo la conta è più alta. Volontari al lavoro per rimettere in piedi il parco Giona

Maccagno il giorno dopo, parco devastato

Sono decine i veicoli parcheggiati e schiacciati da rami e in alcuni casi da interi alberi investiti dalla tremenda perturbazione che si è sviluppata verso l’ora di pranzo di lunedì, che annunciata, è arrivata sul Verbano e l’ha investito da sud spazzandolo completamente e colpendo specialmente la zona di Cerro di Laveno, Portovaltravaglia e a nord di Luino. Già a Luino, sulla statale 394 al Lido Serenelle, ci si accorge che lì il vento ha lavorato forte.

Galleria fotografica

Maccagno il giorno dopo, parco devastato 4 di 12

A Colmegna un’auto è ancora parcheggiata fra enormi blocchi di una betulla che l’ha intrappolata. Chi era sul lago in quel momento – ma lo dimostrano anche i video pubblicati – racconta di un fronte di nuvole staccatosi in mezzo al lago per battere con violenza la terra ferma e portando via tutto quello che ha incontrato sul suo tragitto.

Un enorme imbuto in orizzontale fatto di nuvole, acqua e fortissime correnti che si è abbattuto sulla fascia a lago di Maccagno fino ad arrivare al parco Giona, che coi suoi maestosi salici fonti di ombra e fresco è stato di fatto devastato: piante rimaste in piedi poche, diverse quelle spezzate in due, le superstiti dimezzate di numero.

Un posto amatissimo da turisti e villeggianti, rovinato, che solo a prima vista non potrà più tornare come prima.

Maccagno il giorno dopo, parco devastato

Da questa mattina è un via vai di gente che si dà il cambio per pulire e sistemare: 35, 40 persone fra volontari di protezione civile, tecnici comunali e ditte specializzate nel taglio di alberi d’alto fusto e per questo l’accesso al lido è stato interdetto nonostante siano diversi i turisti che incuriositi dall’accaduto fanno foto e passeggiate fino al museo Parisi Valle per guardare e osservare anche la foce del Giona carica di detriti e fango portati a valle dalla furia delle acque.

«Una stima per difetto si aggira attorno ai 200 mila euro di danni», spiega il sindaco Fabio Passera che sta operando i sopralluoghi nella zona colpita. Qui al parco c’è un campo da basket impraticabile: le piante cadendo si sono portate appresso le recinzioni in metallo schiacciando la struttura portante in metallo, mentre la pista da skate è pieno di ramaglie.

Un panorama desolante che sta rientrando lentamente alla normalità: gli unici che festeggiano sono gli amanti del vento che sul lago si sfogano in evoluzioni acrobatiche con le vele del kitesurf.

Poi uno sportivo tedesco arrivato a riva riguarda intorno e dice: “That’s incredible”.

di andrea.camurani@varesenews.it
Pubblicato il 13 agosto 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Maccagno il giorno dopo, parco devastato 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore