Giovani pensatori crescono nelle terra dell’Insubria

Riparte il progetto tra scienza, filosofia e storia, giunto all'undicesima edizione. 15.000 gli studenti coinvolti sino ad oggi

giovani pensatori

«Rimettere in attività il cervello degli studenti, appropriandosi di ciò che viene letto e studiato e valorizzando l’osmosi, da sempre presente, tra l’università e le scuole». Fabio Minazzi, ordinario di filosofia della scienza dell’Università dell’Insubria e direttore del progetto dei Giovani Pensatori, ha così descritto l’obiettivo dell’iniziativa nata nel 2008, promossa dal Centro Internazionale Insubrico e giunta alla sua undicesima edizione.

Un percorso trasversale che abbraccia diverse discipline, ponendo al centro la filosofia e il metodo filosofico, come mezzo per sviluppare un pensiero critico e far crescere cittadini consapevoli.

Maturata progressivamente nel corso degli anni, l’iniziativa ha ottenuto un numero crescente di adesioni da parte di diversi istituti della provincia di vario grado, ordine e indirizzo, e si caratterizza per una portata di ampio respiro, a fronte delle collaborazioni con istituti esteri e autorevoli figure internazionali.

Il programma prevede una rassegna che si compone di oltre 40 incontri tra convegni, mostre e laboratori rivolti sia alle scuole che al pubblico: una serie di iniziative culturali distribuite nell’arco dell’anno scolastico e che costituiscono il cuore del progetto. L’ateneo dell’Insubria come ente culturale per eccellenza, offre occasioni alla città, mettendo a disposizione le sue capacità e le sue relazioni.

Alla presentazione del progetto hanno preso parte rappresentanti e docenti degli istituti coinvolti, tra i quali Stefania Barile, insegnante del liceo Manzoni e membro del Centro Internazionale Insubrico, curatrice della nuova edizione dell’iniziativa prendendo il posto di Marina Lazzari che ha lasciato per raggiunti limiti d’età.

La professoressa ha evidenziato l’utilità dell’iniziativa per i giovani: «la formazione civica deve avvenire tramite una formazione estetica; la matrice filosofica e comunicativa di questo progetto è un elemento importante per l’orientamento degli studenti delle scuole superiori ai fini di stabilire il proprio profilo formativo».

Il primo appuntamento è fissato per martedì 1 ottobre, con una lectio magistralis di Maurizio Ferraris su Nietzsche, per poi proseguire il 18 ottobre con “Un Gramsci mai visto”, spettacolo di Angelo d’Orsi.

In collaborazione con il nuovo corso di laurea dell’Insubria in Storia e storie del mondo contemporaneo verrà invece inaugurata con la mostra del 6 novembre, alle ore 16.30 nella Sala Teresiana della Biblioteca di Brera a Milano, incentrata sulla Scuola di Milano di cui l’ateneo varesino conserva ben 24 archivi dal ‘700 al ‘900.

Le frequentazioni internazionali si concretizzeranno, grazie alla collaborazione con la Riemann International School of Mathematics di Daniele Bassani, in due convegni che uniranno filosofia e matematica, in programma il 28 e 29 di novembre, con la presenza di tre medaglie Fields, equivalente del premio Nobel della matematica.

Sul fronte didattico, i giovani studenti delle scuole primarie e secondarie coinvolte saranno invitati a riflettere sul tema della sostenibilità civile, culturale, giuridica e ambientale, con oltre di dieci progetti ideati dal laboratorio “Legalità come prassi”. Tra questi, ad esempio, l’incontro del 15 gennaio dal titolo “Quale straniero?”, basato sull’omonimo laboratorio proposto dalla scuola media Maroni dei Salesiani di Varese.

Il progetto propone infine la trasmissione radiofonica “Filosofia per tutti”, alla sua sesta edizione e nata dalla collaborazione con Radio Missione Francescana: letture di classici e interviste ai protagonisti del progetto dei Giovani Pensatori.

Sono complessivamente circa venti gli istituti che aderiscono, sparsi sul territorio provinciale tra Luino, Varese, Gallarate e Busto Arsizio, mentre il progetto conta, ad oggi, oltre 15.000 ragazzi coinvolti in percorsi filosofici.

Giovani Pensatori programma

di
Pubblicato il 26 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore