Il lago di Varese e la sua bellezza resiliente in un incontro di Nature Urbane

Sabato 28 settembre alle 21 "Paesaggio e Resilienza", conversazione con Franco La Cecla e Katia Accossato, in salone Estense, chiude una giornata dedicata al lago di Varese nell'ambito di Nature Urbane

Lago di Varese, Bardello

Sabato 28 settembre alle 21 “Paesaggio e Resilienza“, conversazione con Franco La Cecla e Katia Accossato, in salone Estense, chiude una giornata dedicata al lago di Varese nell’ambito di Nature Urbane.

Dopo l’incontro delle 15, che si terrà all’isolino Virginia e che illustrerà gli ultimi lavori svolti nel sito Unesco, che comprende l’isolino ma anche altri punti del lago di Varese, in centro sarà possibile una riflessione sull’anima del lago di Varese, in vista dei lavori relativi all’accordo quadro per il risanamento del lago.

L’evento, in particolare, si occuperà della “Comunità Resiliente” del lago di Varese e della definizione più ampia di questi due termini, che saranno il tema centrale del programma del Padiglione Italia alla Biennale di Venezia del 2020.

Con l’inizio dei lavori dell’Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale (AQST) per la salvaguardia e il risanamento del lago di Varese e il relativo programma d’azione individuato da Regione Lombardia con tutti gli enti e le associazioni coinvolti, è necessaria fin da subito la redazione di un progetto di inquadramento paesaggistico che preveda il coinvolgimento degli stessi abitanti, con metodi di “urbanistica partecipata”. Perchè, spiegano gli organizzatori: «E’ fondamentale una visione d’insieme che mantenga un carattere unitario per la valorizzazione delle qualità del paesaggio: una visione ad ampio raggio, che parta dalla dimensione territoriale, rimetta in funzione attività che rischiano di sparire, definisca la qualità architettonica dei manufatti, per arrivare alla progettazione della comunicazione (grafica, cartellonistica) degli interventi».

Franco la Cecla, antropologo, nei suoi lavori ha affrontato a più riprese il tema dell’organizzazione dello spazio contemporaneo tra localismo e globalizzazione e  ha fondato nel 2005 a Londra ASIA (Architecture Social Impact Assessment), un’agenzia per valutare l’impatto sociale delle opere di architettura e di urbanistica.

Katia Accossato, docente di Architettura del Paesaggio al politecnico di Milano e Responsabile Ufficio Ricerca Accademia di Architettura di Mendrisio, è membro della commissione Paesaggio del Comune di Varesee collabora col Cluster For Sustainable Cities dell’Universitá di Portsmouth, diretto da Alessandro Melis.

di
Pubblicato il 26 Settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.