Anche Cardano avrà la sua panchina rossa

L’assessora Meri Suriano annuncia l’adesione al progetto contro la violenza sulle donne: “Sarà una per ogni vittima cardanese”. La prima sarà dedicata a Laura Prati

Cardano al Campo

“Non è la soluzione a un problema radicato, ma un’azione di prevenzione per correggere le inclinazioni violente di molti uomini”. L’assessora alle pari opportunità Meri Suriano ha annunciato che anche Cardano al Campo aderirà all’iniziativa della panchina rossa.

Nata per combattere simbolicamente la violenza sulle donne, e diffusasi in molti comuni italiani (tra cui molti nel varesotto), ora approda a Cardano. “La cronaca – afferma Suriano, nella giunta Colombo in quota Fratelli d’Italia – ci riporta un altissimo numero di femminicidi, la maggior parte in ambito famigliare. Inizieremo con una panchina, che coloreremo di rosso e su cui apporremo la targa ‘Per tutte le donne’. Quindi, ne metteremo una per ogni donna cardanese vittima di violenze”.

Il primo nome non è casuale: Laura Prati. L’ex sindaca, che morì dopo essere stata ferita da un’arma da fuoco nel 2013 (e che viene ricordata ogni anno davanti al Municipio), è rimasta nel cuore dei cardanesi e da adesso sarà ricordata anche così. “Ma spero – avverte Suriano, di fede politica opposta – che questa decisione di pura solidarietà femminile non venga strumentalizzata, snaturandone il significato”.

“È una questione – continua l’assessora – che riguarda la sensibilità di ognuno. Mi auguro che questa scelta scavalchi le divisioni politiche. L’amministrazione di Cardano è in prima linea per sensibilizzare e far conoscere ai cittadini la questione, a cui l’attualità ci mette quotidianamente di fronte”.

”Questa iniziativa – annuncia – darà il via in futuro a eventi a tema. È una strada molto lunga e difficile da intraprendere, ma ogni passo è un piccolo traguardo”.

di caccianiga.marco@yahoo.it
Pubblicato il 12 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore