Contro l’ospedale unico un presidio davanti al municipio

Mercoledì pomeriggio la commissione in Comune a Busto sul progetto. Il Comitato per il diritto alla salute del Varesotto chiama a raccolta chi si oppone alla dismissione dei due ospedali esistenti: «La nostra salute è più importante dei loro affari e delle loro carriere»

palazzo gilardoni comune busto

«La Regione va avanti sull’ospedale unico. I sindaci di Gallarate e Busto Arsizio obbediscono in silenzio. Ma la contrarietà cresce ed è sempre più evidente».

Il Comitato per il diritto alla salute del Varesotto vuole farsi sentire. O meglio: vuole far sentire le voci di chi è critico sul progetto del nuovo ospedale che sostituirebbe quelli di Gallarate e Busto. Prossimo appuntamento: la commissione consiliare a Busto Arsizio dedicata all’ospedale, il prossimo 9 ottobre.

Il Comitato sarà presente con un presidio, alle ore 18.00, davanti al Comune di Busto Arsizio.

«L’ospedale unico comporterà la chiusura degli ospedali esistenti di Gallarate e Busto Arsizio e già ha comportato l’accorpamento di alcuni reparti (otorino e urologia per esempio) e la drastica chiusura dell’oncologia a Busto Arsizio. L’ospedale unico significa meno 200 posti letto e tempi di attesa più lunghi. Significa un unico pronto soccorso. Significa, nei picchi stagionali di malattia, come per l’influenza, la completa impossibilità di essere curati. Significa anche possibile malaffare, visto che è citato nell’indagine “Mensa dei poveri”, sia nelle intercettazioni sia nelle deposizioni dell’ex sindaco di Lonate che ha patteggiato».

«La nostra salute è più importante dei loro affari e delle loro carriere» conclude il comitato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore