“Punteremo su una cittadella delle emergenze-urgenze”

Si è svolto questa mattina l'incontro sul futuro dell'ospedale di Cittiglio ma anche di Angera e Luino

ospedale di cittiglio veduta aerea

Si è svolta questa mattina, sabato 17 novembre, l’importante incontro riguardo al futuro dell’ospedale di Cittiglio ma anche di tutta la sanità di Lago.

Presente Emanuele Monti, Presidente della III Commissione Sanità e Politiche Sociali di Regione Lombardia, con il Responsabile di Areu, Guido Garzena, e il Direttore Generale di Ats Insubria, Luca Gutierrez.

«Punteremo a una Cittadella delle emegenze-urgenze – ha annunciato il consigliere regionale Monti – e lotteremo per ottenere la camera iperbarica».

«E’ stato un incontro importantissimo per il futuro di Cittiglio ma non solo – ha spiegato dopo la seduta Emanuele Monti -. L’incontro di oggi ha richiamato tantissimi sindaci, amministratori del territorio e cittadini. Andiamo avanti a presidiare Cittiglio e la sanità di lago con gli altri poli ospedalieri, Luino e Angera.  Nel corso di quest’anno abbiamo fatto molto, risolvendo il problema dell’Ortopedia e potenziando l’offerta sanitaria».

«Ora andiamo oltre quanto abbiamo già fatto, lavorando sul progetto portato avanti da Areu, che punta in prospettiva a creare una Cittadella delle emegenze-urgenze del lago, che andrà ad unire tutti questi territori – spiega Monti –. Un lavoro che seguirò con Protezione Civile, Vigili del Fuoco e tutti gli altri soggetti interessati».

«Sulla questione della camera iperbarica – prosegue Monti – abbiamo evidenziato come oggi ci sono dei numeri interessati di utenti: siamo infatti a oltre tremile prestazioni che interessano gli abitanti del territorio, che vanno a curarsi a Milano o a Bergamo. Sono pazienti cronici, con criticità legate a diabete e ipertensione arteriosa, ovvero le patologie più diffuse nel territorio del Verbano. Parliamo di circa 80mila persone. Di queste 80 ogni mille abitanti soffrono di ipertensione arteriosa e 38 ogni mille diabete, una media superiore rispetto a quella della media dell’Ats Insubria».

«Avere quindi la camera iperbarica è un progetto importante: non sarà facile, ma ci impegneremo per riuscire ad ottenerlo per il bene dei cittadini» ha concluso il consigliere regionale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore