Teatro Blu e la diffusione della cultura italiana in Europa

La direttrice e interprete Silvia Priori: "Un obiettivo che si rinnova e cresce di anno in anno" 

Avarie

Teatro Blu, Centro di Produzione Teatrale varesino di rilevanza internazionale diretto da Silvia Priori che quest’ anno celebra i 30 anni di attività, ha creato spettacoli di grande valenza artistica con innumerevoli repliche in Italia, Europa, Cina, Giappone e Sud America.

Da alcuni anni è impegnato nella promozione e nella diffusione della cultura e della lingua italiana in Europa, patrimoni inestimabili da valorizzare ed esaltare, anche attraverso la messa in scena di spettacoli teatrali in lingua.

Tutto inizia nel 2016, quando Teatro Blu, invitato da Regione Lombardia, si esibisce al Bozar di Bruxelles con il suo “Giulietta e Romeo” per una folta platea di delegati dell’Unione Europea. Il successo e la risonanza dell’evento sono tali da spingere la compagnia a creare una tournée su misura di 13 date che tocca le regioni italiane annesse alla Macroregione Alpina (Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta, Piemonte) e Francia, Slovenia, Germania, Svizzera, Austria.

Nasce così una rete di collaborazioni con Consolati, Ambasciate, Università, Società Dante Alighieri, Comites e Istituti italiani di cultura che si espande e si consolida di anno in anno.

Nel 2017 è la volta di “Carmen”, che in 15 date tocca i principali teatri d’Europa, per un pubblico omogeneo di expats e locals, tutti profondamente coinvolti nonostante le diversità linguistiche.

Il successo e il passaparola sono tali che l’anno dopo le date diventano più di 20 e la compagnia è impegnata in una lunga tournée che coinvolge tre spettacoli: “Carmen”, “Butterfly” e “Tango di Periferia”, che registra ovunque tutto esaurito e consensi entusiasti.

Il teatro ben si inserisce all’interno delle attività delle istituzioni italiane all’estero in un’ottica di promozione integrata, che vede cooperare al suo interno le numerose eccellenze della cultura italiana, in un momento storico in cui è ancora una delle più amate e studiate, basti pensare che la lingua italiana è la quarta lingua più studiata al mondo e che il suo primato in molti ambiti culturali resta indiscusso.

Teatro Blu ha saputo costruire una solida rete di collaborazioni che si va espandendo di anno in anno, portando avanti un percorso preciso il cui sviluppo repentino ha superato ogni più rosea aspettativa, mosso dall’amore per il teatro, per la nostra meravigliosa lingua e, non da ultimo, dall’affetto dimostrato da istituzioni e pubblico.

Un ruolo importante all’interno di questo lungo viaggio italiano nel cuore dell’Europa è sicuramente giocato dall’innovativo progetto di Teatro – Opera, voluto e portato avanti da Silvia Priori, direttrice artistica, drammaturga, regista e attrice della compagnia, che si compone di tre spettacoli: “Carmen”, “Butterfly” e “Traviata”, nati dallo studio delle omonime opere liriche.

La trilogia si propone, attraverso una messa in scena caratterizzata dalla commistione di diverse espressioni artistiche quali la recitazione, la danza, la musica e il canto lirico, di rendere un inestimabile quanto poco valorizzato patrimonio artistico tutto italiano come l’opera lirica, più accessibile al grande pubblico e alle nuove generazioni, spesso intimoriti dalla complessità di questo genere teatrale.

Questa inedita formula consente una maggiore e più immediata fruibilità dell’opera ad un pubblico più ampio, pur conservandone il grande pregio e valore artistico, ragion per cui è sempre più richiesta e popolare, in Italia e in Europa e suscita grande entusiasmo tra pubblico, istituzioni e operatori culturali.

In questi giorni Teatro Blu è impegnato nell’ultima parte del lunghissimo tour europeo iniziato a giugno con gli spettacoli “Tango di periferia”, “Butterfly”, “Giulietta e Romeo”, “Traviata”, “Elena di Sparta” e “Carmen” e sta già organizzando le sue attività europee per il 2020, che si preannunciano frenetiche ed elettrizzanti.
In attesa di conoscere le molte novità all’orizzonte, ecco le ultime date europee per il 2019:

Venerdì 15 novembre h 20:30
Teatro Bobbio – Trieste
“Elena” da uno studio su “Elena” di Omero, Euripide e Ritsos di e con Silvia Priori danza mediorientale: Selene Franceschini
Regia di Silvia Priori e Renata Coluccini
Collaborazione alla regia Roberto Gerbolès
Musiche di Marcello Franzoso
Prod. Teatro Blu

Una miscela di teatro, danza orientale e musiche epiche.
Uno spettacolo sulla bellezza, sulla ricerca della felicità e sulla resistenza

Sabato 16 novembre h 21:00
Teatro Duse – Cortemaggiore (PC) “Elena”

Venerdì 22 novembre h 19:00 – Spettacolo di chiusura delle Tournée europea 2019

Teatro Paravento – Locarno (CH) “Elena”

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 13 Novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.