Cluster2Cluster: la Francia visita la Lombardia

Prosegue il percorso di business networking del Lombardia Aerospace.  Angelo Vallerani, presidente del Cluster lombardo: «Fare in modo che le imprese possano costruire una solida rete di contatti è la nostra missione»

Generico 2018

Continua il percorso di business networking portato avanti dal Lombardia Aerospace Cluster con lo scopo di avvicinare le imprese di piccola e media dimensione a realtà imprenditoriali simili, appartenenti ad altri distretti produttivi europei e non solo. Sono tornati ad incontrarsi, nel corso del sesto evento Cluster2Cluster, 40 imprenditori di 24 imprese aerospaziali lombarde e francesi del Cluster Auvergne-Rhône-Alpes.

A fare da cornice all’evento e agli incontri B2B, a cui ha preso parte anche Fabio Lunghi, presidente della Camera di Commercio di Varese che da molti anni supporta il Cluster nell’attività di promozione della realtà aerospaziale del territorio, sono state la Secondo Mona di Somma Lombardo e lo stabilimento di Venegono Superiore del Gruppo Leonardo Divisione Velivoli.

Obiettivo del meeting: dare seguito alle partnership strette nel corso della missione a Lione del novembre 2018. “Fare in modo che le imprese possano costruire una solida rete di contatti, condividendo conoscenze tecnologiche con Cluster simili al nostro: questo lo scopo di iniziative di business networking come questa, che portiamo avanti con convinzione ormai da due anni”, commenta Angelo Vallerani, presidente del Cluster aerospaziale lombardo. Presente all’incontro anche il vicepresidente del Cluster francese Auvergne-Rhône-Alpes, Benoît-Etienne Guignard: «Siamo vicini di casa, i nostri Cluster si assomigliano molto, in termini di grandezza e tipologia di imprese. Speriamo di poter trovare una via per lavorare insieme, mettendo a fattor comune progetti e capacità. Sicuramente questo secondo incontro pone le giuste basi per una proficua collaborazione futura».  Dopo Svizzera e Germania, scelte come meta del progetto Cluster2Cluster per vicinanza e numeri di scambi commerciali, è stata la volta della Francia, partner strategico dell’industria aerospaziale lombarda.

LO SCAMBIO COMMERCIALE TRA LOMBARDIA E FRANCIA
La Francia, nei primi nove mesi del 2019 (ultimo dato disponibile), è risultata il secondo mercato di destinazione dell’export aerospaziale lombardo, per un valore di circa 88 milioni di euro, in crescita del 5% rispetto ai primi nove mesi dello scorso anno. L’import è ammontato invece a 35 milioni di euro, anch’esso in crescita (+47%) rispetto ai primi nove mesi del 2018. Nello stesso periodo, l’export aerospaziale lombardo ha sfiorato i 768 milioni di euro, mentre l’import è ammontato a 481 milioni di euro. In pratica le esportazioni in Francia rappresentano da sole più dell’11% del commercio internazionale lombardo del settore.

LE PRECEDENTI MISSIONI
Il progetto Cluster2Cluster, coordinato dal consigliere del Lombardia Aerospace Cluster Massimo Maronati, ha preso il via nel febbraio 2018, con un primo incontro pilota, tenutosi nel cantone svizzero di Nidwalden, che ha visto i rappresentanti del comparto aerospace lombardo incontrare le imprese dello Swiss Aerospace Cluster. È stata poi la volta degli svizzeri, insieme al Cluster tedesco Forum Luft-und Raumfahrt Baden-Württemberg, a far visita alla Lombardia, nell’ottobre 2018. È del mese successivo la missione a Lione per incontrare l’Aerospace Cluster Auvergne-Rhône-Alpes e le sue pmi. Di maggio 2019, invece, il meeting a Wrocaw con il Cluster polacco Dolnoœlski Klaster Lotniczy. L’ultimo appuntamento del percorso di business networking, escludendo il presente, si è tenuto a dicembre a Stoccarda ed è stato dedicato all’incontro del Cluster del Baden-Württemberg e dello Swiss Aerospace Cluster.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore