“Italia e Svizzera collaborino senza discriminazioni per i frontalieri”

Quattro deputati di Italia Viva lanciano un appello dopo aver raccolto le preoccupazioni e i disagi dei molti lavoratori italiani in Ticino

Frontalieri

«Italia e Confederazione Elvetica siano unite nell’affrontare questa emergenza, definita come pandemia anche dall’Oms. Non si tratta infatti solo di un problema italiano, il Covid19 non ha nazionalità. In queste ore abbiamo raccolto le preoccupazioni e i disagi subito da molti lavoratori italiani transfrontalieri in Ticino, che temono per la loro salute e per il posto di lavoro. Qualora anche la Confederazione dovesse adottare misure restrittive sul lavoro, chiediamo che si tutelino i posti di lavoro dei cittadini italiani transfrontalieri».

A lanciare l’appello alle autorità federali svizzere sono stati oggi i deputati di Italia Viva, Maria Chiara Gadda, Massimo Ungaro, Gianfranco Librandi e Mauro Del Barba.

«Abbiamo sentito in queste ore la Farnesina di cui cogliamo l’immediata operatività, e soprattutto ringraziamo l’ambasciatrice Svizzera in Italia Rita Adam, per il lungo e cordiale colloquio – scrivono i deputati di Italia Viva – Abbiamo concordato che è necessario affrontare assieme l’emergenza coronavirus, che interessa i cittadini di entrambi i Paesi. L’emergenza sta però rendendo sempre più difficile la quotidianità degli oltre 70.000 transfrontalieri che ogni giorno varcano il nostro confine per andare a lavorare in Svizzera. Auspichiamo che a breve anche la Confederazione Elvetica possa mettere in atto nei luoghi di lavoro e di aggregazione, le norme di precauzione sanitaria che l’Italia ha messo in atto per contrastare la diffusione del virus».

«Per lavorare in sicurezza dal contagio è infatti necessario attenersi alle indicazioni date dalle Autorità sanitarie. Anche per evitare richieste insolite fatte ai nostri connazionali come quella di restare a dormire vicino ai luoghi di lavoro in Ticino e di motivarne il diniego, non vorremmo che queste misure risultassero discriminatorie. Inoltre, nonostante il confine tra i nostri due stati sia rimasto aperto, alcuni valichi minori sono stati chiusi -a quanto apprendiamo per esigenze tecniche, creando di fatto grandi disagi e code ai valichi aperti».

«Infine siamo grati all’ambasciatrice svizzera per la piena solidarietà espressa all’Italia e la massima serietà nell’affrontare la crisi, e la determinazione a tenere le frontiere aperte con il nostro Paese».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.