Pagamento dell’Imu a Busto Arsizio, ecco le novità per le persone in difficoltà

L'amministrazione annuncia nuove misure a sostegno di cittadini e imprese danneggiati dal lockdown

tasse

L’Amministrazione comunale di Busto Arsizio ha varato nei giorni scorsi una serie di misure a sostegno di cittadini e imprese danneggiati economicamente dall’emergenza covid. Tra queste, come ricorda l’assessore al Bilancio Paola Magugliani, «la decurtazione per 5 mesi della TARI per le attività economiche che hanno dovuto sospendere l’attività a causa dell’emergenza e l’esenzione della TOSAP fino al 31 dicembre per le occupazioni di suolo pubblico con tavolini e sedie, anche con i dehors permanenti».

L’Amministrazione ha inoltre deliberato la decurtazione del 30% dell’IMU ai proprietari di immobili che esonereranno gli inquilini in difficoltà economica a seguito dell’emergenza  (siano residenziali, commerciali o produttivi) dal pagamento di 2 mesi di affitto, salvo misure similari messe in atto a livello nazionale. Nel caso di abbuono di una sola mensilità, la decurtazione dell’IMU sarà del 15%. Attualmente la scadenza per versare l’acconto IMU è il 16 giugno. Il saldo dovrà essere versato entro il 16 dicembre 2020.

Il sindaco Emanuele Antonelli annuncia però una novità: «Lunedì, la giunta approverà la proroga dei termini di versamento dell’acconto per i cittadini che registrano difficoltà economiche a causa dell’emergenza sanitaria. A loro daremo la possibilità di eseguire il versamento entro il 30 settembre, senza applicazione di sanzioni ed interessi. In tal modo, non solo offriremo un ulteriore tangibile, seppur temporaneo, sostegno a chi è stato messo in crisi dall’epidemia, ma potremo anche salvaguardare le esigenze di cassa del Comune, messe a dura prova dal calo delle altre entrate, in un contesto ancora incerto dal punto di vista del sostegno statale ai Comuni e nell’imminenza del termine per il pagamento. Infine, si permette anche ai contribuenti che non sono stati colpiti dagli effetti negativi dell’emergenza di adempiere tempestivamente ai propri obblighi fiscali, con ovvi benefici sugli equilibri di bilancio».

Nel caso l’Amministrazione decida per la proroga, si raccomanda ai cittadini che possedessero immobili anche in altre località di verificare se i Comuni in cui sono ubicate le loro proprietà hanno a loro volta stabilito una proroga del pagamento dell’acconto. Di seguito un breve vademecum sulle novità introdotte con la Legge di bilancio 2020 sul sistema dell’imposizione immobiliare locale (per i dettagli si rimanda al sito istituzionale www.comune.bustoarsizio.va.it).

Avendo lo Stato stabilito “l’unificazione” tra l’imposta municipale propria (IMU) e il tributo sui servizi indivisibili (TASI), a partire da quest’anno, l’imposta unica comunale (IUC)  è stata abolita, fatte salve le disposizioni relative alla tassa sui rifiuti (TARI). Il pagamento della prima rata dell’IMU dovrà essere quindi pari al 50% del totale di IMU e TASI (sommati) dell’anno 2019. Qualora nel 2019 non si fosse versata imposta (ad esempio nel caso di acquisto nel corso del 2020), l’aliquota da utilizzare in acconto sarà data dalla somma delle aliquote IMU 2019 e TASI 2019 per la fattispecie immobiliare oggetto di calcolo. 

A differenza del 2019, con l’incorporazione del tributo TASI nell’IMU, nel caso di immobili occupati (ad es. nel caso di una locazione) non vi è più la ripartizione del tributo TASI (70% proprietario – 30% occupante): la nuova imposta sarà completamente a carico del titolare del diritto reale (es.: proprietario, usufruttuario, ecc.).

Come sempre, presupposto dell’ IMU è il possesso di immobili, inclusi i terreni e le aree fabbricabili, a qualsiasi uso destinati. Non sono tenuti al pagamento i proprietari di fabbricati adibiti ad abitazione principale di categoria catastale da A2 a A7 + pertinenze  e di fabbricati  assimilati (per legge e regolamento) all’abitazione principale, oltre ai proprietari anziani/disabili residenti in istituti di ricovero e cura.

A chi rivolgersi per informazioni:

Ufficio IMU: tel. 0331 390214: mail: tributi.imu.ici@comune.bustoarsizio.va.it
Nei seguenti giorni:
lunedì, martedì e venerdì dalle ore 09:00 alle ore 12:00:
mercoledì dalle ore 09:00 alle ore 12:00 e dalle ore 14:30 alle ore 16:30;
giovedì chiuso.

Per appuntamenti:
L’ufficio IMU riceve dalle ore 08:45 alle ore 12:45 dal lunedì al venerdì.
Per la prenotazione degli appuntamenti contattare il n. 0331 390472 nei seguenti giorni:
lunedì e venerdì dalle ore 08:00 alle ore 14:00
martedì, mercoledì e giovedì dalle ore 08:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore