Yoga e pilates: “Infiniti percorsi” contro la frenesia quotidiana

Ad Azzate opera una realtà con poco più di un anno di storia, pronta a ripartire a piccoli passi “zen” per trovare una nuova armonia

yoga infiniti percorsi azzate speciale uisp

Le asd Uisp hanno tante storie diverse. Abbiamo parlato in queste pagine di progetti storici, ma ci sono anche associazioni appena nate che tentano di resistere nonostante i lunghi mesi di inattività. Una di questi è Infiniti Percorsi, piccola realtà di Azzate con appena un anno e mezzo di storia alle spalle, due tipologie di corsi avviati ma tantissimi progetti che attendono solo tempi migliori.

«Per ora offriamo corsi di yoga e pilates, discipline di educazione posturale che favoriscono anche il benessere mentale – spiega Marina Enea, referente di Infiniti Percorsi – già prima dell’emergenza eravamo orientati sul costruire la nostra attività consolidando i passi con il tempo, e in questi strani mesi sospesi abbiamo trovato conferma delle nostre intenzioni». Yoga e Pilates, dunque, ma con il “sogno nel cassetto” di un corso di Tai Chi con Luciano Cibin, insegnante stimato in questa disciplina, seminari sull’ayurveda e tante altre idee, che siano «nutrimento anche dell’anima e, soprattutto, un momento di pausa e di cura di sé. Le nostre vite sono frenetiche, piene di cose da fare, la nostra idea è quella di offrire uno spazio dove, anche per una sola ora la settimana, ci si possa prendere una pausa e curare cose che solitamente dobbiamo lasciare da parte. Ma anche un punto di ritrovo per chi ha interesse ad approfondire certe tematiche».

Così, accanto ai corsi, è nata anche una piccola biblioteca a disposizione dei soci, con testi di yoga, pilates, ayurveda: tutti provenienti dalla collezione personale di Marina Enea ed Emanuela Ferrari, rispettivamente insegnanti di pilates e yoga, che ci tengono ad offrire anche la possibilità di un approfondimento teorico, e hanno avuto l’idea della biblioteca per “dare autonomia ai più curiosi».

I mesi del lockdown, infatti, loro li hanno dedicati proprio allo studio: «Non ce la siamo sentita di creare percorsi on line spiega Marina – le nostre discipline hanno bisogno della presenza fisica dell’insegnante. In più, spesso chi viene da noi ha un’età non più giovanissima e magari qualche problema alle articolazioni: non è possibile aiutarli attraverso uno schermo, rischieremmo di fare danni».

E allora i mesi di stop diventano mesi di studio e di preparazione, anche per riaprire da questa settimana con tutte le regole: «Abbiamo organizzato la ripresa con lezioni individuali, oppure con gruppi di massimo tre persone, per garantire le distanze. Abbiamo anche allungato l’intervallo tra una lezione e l’altra, per dare modo alle persone di non incrociarsi. Abbiamo installato i distributori di gel igienizzante e vigileremo sull’utilizzo delle mascherine. Insomma, siamo pronti». Non resta che fare un “in bocca al lupo” a questa nuova nata in casa Uisp, che ha sfidato il lockdown e si prepara a vincere… con lentezza. Per informazioni è possibile scrivere a infinitipercorsi@gmail.com

SPECIALE UISP – Tutti gli articoli di VareseNews in collaborazione con UISP Varese

di
Pubblicato il 03 giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore