Crugnola cerca il bis al “Rally Lana” di Biella

Dopo la vittoria al "Casentino" il pilota di casa Citroen torna in gara a Biella per prepararsi al meglio all'esordio nel Campionato Italiano. Tra i varesini in gara anche Tiziani e Saredi

andrea crugnola rally casentino 2020 citroen c3

A una settimana di distanza dalla vittoria al Rally Internazionale del Casentino, Andrea Crugnola torna in gara con l’intenzione di bissare il successo ottenuto in Toscana. Il pilota di Calcinate del Pesce, che quest’anno parteciperà al Campionato Italiano assoluto (CIR) con l’intenzione di puntare allo “scudetto”, sarà al via del “Rally Lana” di Biella che andrà in scena tra venerdì 10 e domenica 12 luglio.

Crugnola porterà di nuovo in gara la Citroen C3 di classe R5 (foto Citroen Racing) preparata dal team F.P.F. Sport e navigata da Pietro Ometto; quindi la stessa “formazione” che poi – nell’ultimo fine settimana di questo mese – darà l’assalto al “Roma Capitale”, ovvero la prima prova del CIR 2020. L’impegno sulle strade di Biella è funzionale proprio a quello tricolore: come al Casentino, Andrea e Pietro testeranno materiali e soluzioni in vista dell’esordio nel CIR ma senza “disdegnare” la classifica finale di un rally che ha alle spalle una lunga storia. Il “Lana” si corre per la 33a volta ed è tornato in calendario due anni fa dopo essere stato a lungo – tra gli anni Settanta e i Novanta – una gara di altissimo profilo.

La concorrenza, però, è di quelle agguerrite e di qualità: se al Casentino a contrastare Crugnola è stato soprattutto un altro varesino, Damiano De Tommaso, a Biella i principali rivali del 32enne di casa Citroen saranno le due Ford Fiesta Wrc di Alessandro Gino e Paolo Sulmoni e soprattutto alcuni piloti di alto profilo in gara con le R5: dall’aostano Chentre (già vincitore a un “Laghi”) su Skoda Fabia alle due VW Polo del piemontese Pinzano e del valtellinese Gianesini. E ancora Scattolon, Carmellino (vincitore del “Lana” 2018), Marasso (Fabia), Riccio (Hyunday i10) e via dicendo.

Ai nastri di partenza del “Lana”, Crugnola non sarà l’unico portacolori della nostra provincia. In classe S16 ci sarà spazio per un equipaggio “familiare”, con il 23enne Davide Tiziani affiancato in abitacolo dal padre Paolo. Super1600 anche per la navigatrice Giulia Paganoni su Renault Clio affidata a Kim Antonietti Il binomio di Lonate Pozzolo lo scorso anno vinse la classe R1 e stavolta salirà di categoria con una Renault Clio dell’Erreffe Team Bardahl. Peugeot 208 invece per il luinese Andrea Saredi, iscritto insieme ad Alexandro Colombo in classe R2B dove tra i favoriti ci sono gli ossolani Caffoni e Minazzi. Nelle classi minori “derby” in N2 tra la Peugeot 106 di Iannello-Fallo (di Malnate il primo, di Caravate il secondo) e quella di Matteo Fortunato di Osmate, affiancato dalla giovanissima figlia Rebecca.

Il Rally Lana prevede la disputa di sette prove speciali tra sabato 11 e domenica 12, anche se il pubblico non sarà ammesso sulle strade per via delle disposizioni anti-Covid-19. Si comincia sabato all’ora di cena con “Rosazza” e “Tracciolino”, prove ripetute poi in tarda serata. Domenica invece tre i passaggi sul “Curino”; tutti tratti brevi nei quali ogni errore può costare caro.

Crugnola e De Tommaso scatenati: i varesini dominano il Rally del Casentino

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 09 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore