Arrestato a Somma Lombardo dai carabinieri l’ultimo pusher dei boschi

Era ancora ricercato dal giorno dell'operazione dell'Arma condotta nei boschi tra Sesto Calende e Vergiate

carabinieri gallarate evasione apertura

Arrestato questa notte dai carabinieri a Somma Lombardo l’ultimo pusher che mancava all’appello nella operazione di contrasto allo spaccio nei boschi tra Sesto Calende e Vergiate. I militari della compagnia di Gallarate l’avevano nel mirino già da diverse settimane: ottenuta l’ordinanza di custodia cautelare dalla procura di Busto Arsizio hanno proceduto all’arresto nella notte tra venerdì e sabato in una abitazione a Somma. Si tratta di un ragazzo marocchino di 22 anni che risultava ancora incensurato.

Spaccio 7 giorni su 7 nei boschi tra Vergiate e Sesto: cinque in manette

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Continuo a rimanere basito di fronte alla ostinata miopia di quella parte politica seguita da altrettanti miopi cittadini che appoggia senza riserve questa finta solidarietà umana sottoforma di accoglienza indiscriminata. I ragazzotti festanti che arrivano clandestinamente chiamati erroneamente “migranti”, non sono altro che nella maggior parte dei casi manovalanza fresca per la criminalità organizzata,i fatti sono talmente evidenti che non li comprende solo chi non li vuole comprendere. Non sono razzista,non sono leghista,non sono fascista,non sono comunista,sono solo per il rispetto delle regole e per la salvaguardia dei principi che i nostri nonni hanno pagato con la vita. Gli italiani e sopratutto i giovani,invece di perdere giornate con uno smartphone in mano dovrebbero iniziare a difendere il proprio futuro e pretendere da chi ci governa il rispetto della loro libertà.

Segnala Errore