Quantcast

Cattivi odori in Valle Olona: “Potrebbe essere colpa di un mix di reflui”

Dall'incontro tra sindaci, Arpa, Provincia e aziende del territorio è emerso che gli odori molesti potrebbero essere causati da un mix di reflui fognari. Si pensa ad un revamping del depuratore

odori molesti valle olona riunione sindaci

Si è svolto in data 3 settembre il tavolo di confronto, fortemente voluto dai sindaci di Castellanza Mirella Cerini, Marnate Elisabetta Galli e Olgiate Olona Giovanni Montano, per affrontare il problema degli odori molesti e delle numerose segnalazioni effettuate dai cittadini nel periodo estivo.

All’incontro hanno partecipato, oltre ai primi cittadini, il Politecnico di Milano, la Provincia di Varese, la ditta Perstorp, la ditta Ecosis, Arpa Lombardia, Società di tutela del bacino del fiume Olona, Alfa e Cap Holding.

L’incontro è stato occasione per un aggiornamento sullo stato di avanzamento dello studio previsto dal protocollo in atto con il Politecnico e soprattutto per una valutazione sulle eventuali azioni da intraprendere in attesa della conclusione di tale studio.

L’Ing. Laura Capelli del Politecnico, ha presentato il lavoro finora svolto in particolare con i cittadini e la App con la quale segnalare la presenza di odori e con le aziende presso le quali sono stati fatti i primi sopralluoghi e presentate le relazioni. E’ stato sottolineato che durante il lockdown i segnalatori non hanno manifestato la presenza significativa di odori mentre successivamente, e in particolare a fine luglio, le segnalazioni sono risultate numerose e frequenti.

Ad oggi si è conclusa la fase di studio documentale e di sopralluogo presso le aziende, mentre deve essere ancora conclusa la fase dei campionamenti. Alfa ha comunicato che vengono effettuate settimanalmente le analisi sugli scarichi delle aziende.

L’ipotesi fatta dall’ing. Capelli è che gli odori possano essere generati da un mix di reflui che singolarmente potrebbero non essere avvertiti, ma che mischiandosi generano emissioni odorose. Alfa comunica che a luglio è stato consegnato lo studio di fattibilità tecnico economica di revamping dell’impianto di depurazione di Olgiate che sarà orientato anche a risolvere il problema degli odori, per questo viene ribadita l’importanza della collaborazione con il Politecnico. Le tempistiche dei lavori, verranno stabilite alla presentazione del progetto esecutivo.

I sindaci hanno proposto di organizzare un incontro coi cittadini per far capire la complessità del problema illustrare lo stato di avanzamento dello studio e le sue tempistiche. L’incontro potrebbe essere anche l’occasione per chiedere ad Ats di illustrare i dati epidemiologi rispetto all’incidenza delle patologie sul nostro territorio che già calendarizzato era poi stato rinviato a causa del covid.

La situazione che risulta da questa prima fase dello studio è senz’altro complessa: la conclusione della prima fase delle indagini olfattometriche presso le aziende dovrebbe avvenire entro metà settembre; sono però necessarie ulteriori valutazioni e ulteriori indagini con Alfa e Perstorp. A valle dei risultati delle analisi olfattometriche in corso si potrà considerare di effettuare un nuovo incontro del tavolo di confronto, presumibilmente nel mese di ottobre.

«Vogliamo rassicurare i nostri cittadini – dicono i sindaci dei tre centri coinvolti  – che ci siamo attivati ormai da tempo e con decisione rispetto al problema delle molestie olfattive, sarà un percorso non breve, ma contiamo che al termine di tutte le valutazioni che il Politecnico sta effettuando si possa arrivare ad individuare le cause e gli interventi mitigativi e/o risolutivi necessari. E’ importante aver coinvolto tutti gli enti preposti del territorio e aver ottenuto la disponibilità a collaborare per poter dare risposte, che riteniamo doverose, alla popolazione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore