Visioni distopiche e realtà parallele prendono vita nel nuovo videoclip dei MasCara

Realizzato da Fiola Folador e Fabio Landi, il videoclip del singolo "22+1" vede protagonisti una coppia di anziani e il loro ultimo ballo, "in scena" grazie alle animazioni di Gian Luca Elasti. La band: "L'amore supera supera i limiti dell'età e della mobilità fisica"

Mascara copertina 22+1

Dopo la pubblicazione della “versione radio”, i MasCara presentano anche il videoclip del loro singolo “22+1”, disponibile su YouTube a partire da oggi, mercoledì 10 febbraio (lo trovate sotto all’articolo).

Una canzone dall’anima “antica, melodica e appassionata”, così la scorsa settimana  la band varesina aveva presentato il singolo che ci aveva ricordato con un velo di nostalgia le atmosfere (e i colori) del primo disco degli Interpol, Turn On The Bright Light.

«Volevamo una storia d’amore ma che fosse universale – spiega adesso la band all’uscita del videoclip che alterna girato ad animazioni grafiche, con lo sfondo sempre a tinte rosse e nere, gli stessi colori presenti anche sulla copertina del disco-. La canzone racconta dell’impossibilità di unirsi, ma visivamente parla di un amore indissolubile che vuole superare i limiti dovuti all’età e alla mobilità fisica. Abbiamo voluto fortemente rappresentare l’immobilità perché è la cosa che più ci sta lacerando. Non poterci abbracciare, non poterci avvicinare. Sentiamo il bisogno di superare questa distanza».

MasCara - Clarissa Ceci

(foto di Clarissa Ceci)

Realizzato da Fiola Folador e Fabio Landi, in arte Luther Blisset, grazie anche alle animazioni di Gian Luca Elasti, già presente in “Carne & Pixel”, il video di “22+1” nasce come “risposta forte a questa immobilità che stiamo vivendo”.

MasCara hanno infatti deciso di portare le loro visioni distopiche su due soggetti fragili, forse i più contemporanei che potessero immaginare. Un ultimo, oscuro quanto delicato, ballo. È questo il desiderio della coppia protagonista del video, che, sulle note della canzone, riesce a soddisfare il proprio desiderio grazie all’utilizzo della tecnologia.

«L’immersione in questa realtà parallela viene veicolata da due avatar mostruosi che ricordano il Demogorgone di Stranger Things – commentano i MasCara -: un contrasto che ricorda il tema fondante del disco: l’impatto della tecnologia sui nostri desideri e sulla realtà».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.