L’accordo sul Politeama approvato anche in consiglio a Varese: le opposizioni chiedono di mantenere i due teatri

Voto contrario di tutte le minoranze. Ora l'ultimo step è il consiglio comunale, poi si passerà al bando per il progetto

Politeama generici

Anche il consiglio comunale ha approvato l’accordo tra  fondazione Molina e Comune di Varese  che concede al comune la cessione del diritto di superficie del Politeama.

Una approvazione non unanime, ma comunque più larga e variegata della stretta maggioranza, con il voto favorevole dei tre consiglieri della Lista Orrigoni Valerio Vigoni, Rinaldo Ballerio e Luca Boldetti e “l’astensione, ma fortemente interessata al progetto” di Elena Baratelli rappresentante della lista Varese 2.0. Delle minoranze va segnalata non solo  il voto positivo della lista Orrigoni, ma la sorprendente astensione del consigliere Stefano Clerici di Varese Ideale, non entrato nel dibattito ma poi espressosi con il voto. Il conto finale ha visto 20 voti favorevoli, 5 contrari e 2 astenuti.

LE DICHIARAZIONI DELLA NUOVA PROPRIETA’ DEL TEATRO DI VARESE ENTRANO NEL DIBATTITO SULL’APPROVAZIONE DELL’ACCORDO SUL POLITEAMA

Un elemento recentissimo però  ha cambiato il dibattito sull’argomento, già ampiamente trattato in commissione e in altri consigli precedenti: le dichiarazioni della nuova proprietà del teatro Apollonio, che ha espresso l’intenzione di effettuare importanti miglioramenti alla struttura nell’ottica di una utilizzabilità a 360 gradi, come si può leggere nell’articolo di Varesenews di stamattina.

Dichiarazioni che sono state citate fin dalle dichiarazioni di apertura: «Oggi è stato annunciato l’ampliamento della fruizione del teatro Apollonio, sono preoccupato del fatto che  venga poi buttato giù – ha sottolineato infatti all’inizio della seduta  Marco Pinti, Lega – Due teatri possono convivere, visto che entrambi hanno le potenzialità a rivolgersi a pubblico diverso. Facciamo una riflessione in questo senso, senza “mettere una tagliola” al teatro tenda entro 36 mesi, come sembra risultare dalle intenzioni dell’amministrazione».

Ma che hanno fatto parte fin da subito della discussione del punto all’ordine del giorno: ad inizio del dibattito infatti Simone Longhini ha chiesto una votazione sulla sospensiva di quel punto, proprio perchè “sono intervenute delle novità che potrebbero cambiare le decisioni”.

Una votazione che ha visto prevalere i voti contrari, permettendo perciò la prosecuzione del dibattito sul punto in questione, ma che ha comunque influenzato di molto il dibattito.

I PUNTI PRINCIPALI DEL CONTRATTO

Il contratto, che avrà la durata di 90 anni, riguarda un valore di 4 milioni 927mila euro, suddivisi tra il cinema, stimato 3 milioni 168mila euro e i negozi e gli appartamenti inglobati nello stabile, valutati un milione e 759 mila euro, e verrà pagato in 90 rate annuali di valore decrescente, dall’approssimativo ammontare di 54mila euro ciascuna.

 

 

 

Stefania Radman
stefania.radman@varesenews.it

Il web è meraviglioso finchè menti appassionate lo aggiornano di contenuti interessanti, piacevoli, utili. Io, con i miei colleghi di VareseNews, ci provo ogni giorno. Ci sosterrai? 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 13 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.