Morti sul lavoro, l’appello di Cgil, Cisl e Uil: “Fermiamo questa strage infinita”

Presidio davanti alla Prefettura. I sindacati chiedono un'azione immediata e diffusa, una fase di decisioni e atti concreti, di ispezioni a tappeto a tutti i livelli e un piano formativo straordinario

«Così non si può andare avanti. È arrivato il momento di agire». Nonostante una pioggia battente che non ha dato tregua fin dalla prima mattina, Cgil, Cisl e Uil hanno dato vita a un presidio davanti alla Prefettura di Varese, dopo aver indetto uno sciopero generale di quattro ore.

Galleria fotografica

Sindacati in presidio a Varese per la sicurezza sul lavoro 4 di 18

Due morti sul lavoro nel giro di una settimana, il primo a Busto Arsizio e il secondo a Tradate, hanno fatto scattare la reazione dei sindacati che chiedono «un impegno eccezionale a tutte le istituzioni ad ogni livello, per fermare questa strage infinita».

Cgil, Cisl e Uil chiedono dunque un impegno preciso alle imprese, all’Ats, all’Inail, alle amministrazioni comunali, alla Provincia di Varese e alla Regione Lombardia affinché «si assumano la responsabilità di agire nell’immediato con massicci investimenti in prevenzione».

«Serve un’azione immediata e diffusa  – sottolineano i sindacati – una fase di decisioni e atti concreti, di ispezioni a tappeto e di un piano formativo straordinario».

 UN PATTO PER LA SALUTE E SICUREZZA

Stefania Filetti, Daniele Magon e Antonio Massafra, rispettivamente segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil, a partire dalla piattaforma nazionale rivendicano un nuovo patto per la salute e sicurezza e chiedono: una formazione adeguata e continua  per i lavoratori che preveda aggiornamenti costanti anche per i datori di lavoro, l’assunzione di tecnici e personale specializzato presso la sede di Varese dell’ispettorato nazionale del lavoro e presso il dipartimento prevenzione e sicurezza ambiente  di lavoro dell’Ats Insubria, la responsabilità solidale  dell’impresa nella catena degli appalti e subappalti, a partire dalle aziende partecipate, il coinvolgimento delle amministrazioni comunali quali soggetti di coordinamento in ambito del territorio comunale e una cabina di regia territoriale coordinata dalla Prefettura.

Infine lo slogan “No safety?No work” (nessuna sicurezza, nessun lavoro)  che invita a sviluppare una maggiore cultura della sicurezza nelle imprese come massima espressione  di prevenzione e rispetto verso i lavoratori, soprattutto nelle modifiche dell’organizzazione del lavoro.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 11 Maggio 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Sindacati in presidio a Varese per la sicurezza sul lavoro 4 di 18

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.