Caccia al padre omicida, maxi operazione dei Carabinieri a Viggiù

L'uomo è stato arrestato questa mattina sulla strada del Monte Orsa al termine di un'operazione iniziata alle 6. Sul posto decine di Carabinieri con il supporto di un elicottero

gerry varie

Mattinata molto movimentata a Viggiù, dove questa mattina si è svolta una maxi operazione che ha coinvolto diversi mezzi dei Carabinieri.

L’operazione, iniziata alle 6 di questa mattina, domenica 2 gennaio, era finalizzata alla cattura di un ricercato. Solo nella tarda mattinata si è appreso che l’uomo ricercato era il 40enne di Morazzone, che ha ucciso il figlioletto di 7 anni e ne ha nascosto il corpo nell’armadio.

In via Sant’Elia, la strada che porta verso l’omonima chiesetta e da lì sui sentieri he conducono verso il monte Orsa e il confine svizzero, si sono concentrate tredici pattuglie dei Carabinieri, con il supporto di un elicottero.

Secondo alcune testimonianze di cittadini residenti nella zona sarebbero anche stati esplosi colpi di arma da fuoco.

L’uomo è stato catturato attorno alle 8,30.

Tragedia a Morazzone: accoltella la moglie, nell’armadio il cadavere del figlio di 7 anni

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.