Dopo la condanna Lara Comi visita il carcere

Dopo la condanna della corte europea per i diritti umani l'eurodeputata Pdl farà visita alla casa circondariale di via per Cassano

«Obbligo e dovere morale del futuro governo sarà quello di sanare in tempi rapidi l’emergenza carceri. La sentenza di condanna a pagare una multa, espressa ieri dalla Corte europea dei diritti umani nei confronti dell’Italia per il sovraffollamento e l’imbarbarimento dei nostri istituti penitenziari, riporta in primissimo piano la questione. E induce a una profonda riflessione, innanzitutto il mondo politico, su una realtà vergognosa e indegna di un Paese civile e democratico, correttamente definita dal presidente Napolitano una ‘mortificante conferma’ dell’incapacità dello Stato di assicurare diritti basilari ai reclusi. Realtà che comprende altri innumerevoli aspetti che vanno urgentemente ripensati, come l’eccesso dell’utilizzo della detenzione preventiva in carcere prima della condanna, oggi strumento del quale ampiamente e disinvoltamente si abusa. Torniamo dunque alla necessità di rivedere e migliorare la giustizia italiana a 360 gradi, un rinnovamento per essere al passo con il resto d’Europa e che deve riguardare ogni ambito e garantire il rispetto dei diritti fondamentali e la certezza del diritto per ogni individuo nel nostro Paese. A testimoniare il mio impegno nella vicenda carceri, venerdì 11 gennaio sarò in visita al carcere di Busto Arsizio». E’ quanto dichiara Lara Comi, europarlamentare del Pdl e vicecoordinatore regionale del Pdl lombardo.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.