Botte alla moglie, arrestato

È successo a Giubiano, nella sera di venerdì 19 settembre: prima le urla, poi schiaffi e pugni e il lancio di un posacenere contro la moglie

Nella serata di ieri la Polizia di Stato ha arrestato un uomo di 49 anni per maltrattamenti in famiglia. Gli agenti sono intervenuti, attorno alle 22.30, in un condominio in zona Giubiano dove era stata segnalata dai vicini di casa una violenta e rumososa lite in famiglia: individuato l’appartamento, gli agenti hanno colto in flagranza di reato il capofamilglia, un cittadino albanese quarantanovenne, senza precedenti penali, in condizione di visibile ubriachezza. L’uomo, dopo aver percosso la donna con schiaffi e pugni ed averle tirato addosso una sigaretta accesa ed un posacenere, ha scaraventato a terra il mobilio e si è subito rivelato ostile anche nei confronti degli agenti intervenuti per fermarlo. Gli accertamenti con i famigliari hanno fatto emergere una serie di maltrattamenti e percosse nei confronti della moglie e dei due figli minori, che si protraevano da circa quattro anni e che non erano mai stati segnalati alle autorità per timore di ritorsioni.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 20 Settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.