“Dote sport” di 200 euro per i bambini della città

Il Comune di Tradate ha aderito all'iniziativa regionale che prevede un contributo massimo di euro 200 per sostenere le spese di partecipazione ad attività sportive di bambini e ragazzi tra 6-17 anni

maccagno bambini calcio sport

Con l’autunno ricominciano per bambini e ragazzi corsi e attività da svolgere nel tempo libero dalla scuola: la Regione Lombardia prevede un aiuto per assicurare la possibilità di praticare uno sport ad un maggior numero di minori.
L’iniziativa, alla quale il Comune di Tradate ha già aderito, si chiama, Dote Sport e prevede un contributo massimo di euro 200 per sostenere le spese di partecipazione ad attività sportive di bambini e ragazzi tra 6-17 anni.

La Dote Sport è rivolta a minori di età compresa tra 6 e 13 anni (“Dote Junior”) e a ragazzi dai 14 ai 17 anni (“Dote Teen”), appartenenti a famiglie residenti in Lombardia, che vengano iscritti e frequentino un corso o un’attività sportiva nel periodo settembre 2015 – giugno 2016. È prevista una riserva del 10% delle risorse disponibili a favore dei minori disabili sia “junior” che “teen”.

Beneficiari e requisiti di ammissione: 
Possono accedere alla Dote Sport le famiglie in possesso dei seguenti requisiti:

a) residenza da almeno 5 anni in Lombardia, maturata alla data di scadenza dei termini di partecipazione al Bando (19/10/2015), di almeno uno dei due genitori, o del tutore con cui il minore convive, o del genitore affidatario;

b) residenza dal richiedente, in uno dei Comuni aderenti all’iniziativa, al 19/10/2015;
c) età del minore compresa tra 6 e 13 anni per la “Dote Junior” e tra 14 e 17 anni per la “Dote Teen” compiuti alla data del 19/10/2015;
d) valore ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) in corso di validità all’atto di presentazione della domanda (Nuovo ISEE 2015) non superiore a € 20.000;

e) preiscrizione o iscrizione del minore, nel periodo compreso tra settembre 2015-giugno 2016, a corsi o attività sportive che:
- prevedano il pagamento di quote di iscrizione e/o di frequenza
, abbiano una durata continuativa di almeno sei mesi
, siano tenuti da Associazioni o Società Sportive Dilettantistiche scelte dalla famiglia tra quelle iscritte al Registro Coni o affiliate a Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate, Enti di Promozione Sportiva;
 disabilità formalmente riconosciuta attraverso apposita certificazione, nel caso di domanda di Dote per un minore disabile.

Importo del contributo:
Il contributo massimo concedibile per ogni Dote è pari a € 200 e in ogni caso non può essere superiore alla spesa complessivamente sostenuta per l’iscrizione e/o la frequenza a corsi o attività sportive.
I contributi non possono essere richiesti se per lo stesso minore e per la stessa attività sportiva è già stato ottenuto un rimborso o un’altra forma di agevolazione da parte di Regione Lombardia o da altri enti pubblici.

Presentazione della domanda:
 La domanda per la Dote Sport può essere presentata da uno dei genitori del minore (o dal tutore o affidatario) esclusivamente attraverso l’applicativo informatico SiAge, messo a disposizione da Regione Lombardia, collegandosi direttamente al sito: www.agevolazioni.regione.lombardia.it dalle ore 12.00 del 14 settembre 2015 fino alle ore 16.00 del giorno 19 ottobre 2015. Per chiarimenti l’Ufficio Sport del Comune di Tradate è a disposizione degli interessati.

«È con immenso piacere che annuncio l’adesione del Comune di Tradate a questa bella iniziativa di Regione Lombardia – dichiara l’Assessore allo Sport Andrea Botta – sin da piccoli, i nostri figli tendono a condurre una vita sedentaria: a scuola vanno spesso in macchina, poi restano seduti per sette-otto ore, se non di più; tornati a casa, fanno i compiti, guardano la tv e poi si cena. Insomma, le occasioni di movimento durante la giornata sono molto rare”, continua l’Assessore “ Praticare sport in età pediatrica presenta tanti aspetti positivi: assicura un adeguato sviluppo dell’apparato scheletrico e muscolare, regola il metabolismo, favorisce la socializzazione e, se praticato nel modo corretto, è un’attività molto piacevole e divertente per i bambini e per i ragazzi. Questo progetto si muove nel solco già tracciato dalla nostra amministrazione con il sostegno al Pedibus, il progetto “Sport in cartella” (che coinvolge le società sportive direttamente negli orari scolastici) e la continuazione dell’iniziativa “Nuoto in cartella”. Nei prossimi giorni ho previsto una capillare informazione a tutte le Associazioni Sportive Tradatesi, dell’iniziativa al fine di favorire lo sport in Città».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Settembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.