Inquinamento: i valori nei capoluoghi lombardi

Le precipitazioni hanno influito in maniera significativa sull'area del Milanese, meno vicino ai rilievi

smog pm10 pianura padana

Le precipitazioni, anche a carattere nevoso, registrate ieri, hanno influito in maniera significativa sulle concentrazioni di PM10 soprattutto a Milano e nella parte sud-occidentale della regione, mentre nella parte orientale e nella zona prealpina i valori sono restati elevati.

Secondo i dati rilevati dalla rete di monitoraggio della Qualità dell’Aria di ARPA Lombardia le concentrazioni di PM10 a Milano si sono attestate tra 37 e 49 μg/m³, tornando nuovamente al di sotto del valore limite giornaliero di 50 µg/m³.

Il valore massimo in regione si è registrato nella stazione di Valmadrera (LC) con una concentrazione di 86 μg/m³.

Nei capoluoghi situazioni di superamento del valore limite giornaliero sono state riscontrate a Bergamo con 74 µg/m³, a Brescia con 71 µg/m³, a Monza con 58 µg/m³, a Varese con 69 µg/m³, a Como con 81 µg/m³, a Lecco con 77 µg/m³, a Sondrio con 73 µg/m³ e a Mantova con 62 µg/m³ .

Condizioni migliori e al di sotto del valore limite sono state registrate a Pavia con 40 µg/m³, a Lodi con 40 µg/m³ e a Cremona con 46 µg/m³.
Oggi e domani le condizioni atmosferiche saranno variabili e si alterneranno fasi più o meno instabili. Ancora possibili precipitazioni, ma senza fenomeni significativi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 gennaio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore