Mirko Oro, tutti condannati

Si chiude il troncone principale del processo all'associazione a delinquere che reggeva la catena di negozi compro oro. Cinque anni a De Luca e 3 anni e 8 mesi a Mirko Rosa

mirko rosa compro oro processo

Si è chiuso questa mattina, giovedì, con 28 condanne il troncone principale del processo di primo grado a Mirko Oro e alla sua banda. In 22 hanno patteggiato e, quindi, la loro vicenda processuale si chiude qui mentre in 5 potranno ricorrere in appello. Altri tre andranno a dibattimento.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SULLA VICENDA

Tutte confermate dal giudice per l’udienza preliminare Patrizia Nobile le richieste di condanna da parte del pubblico ministero Nadia Calcaterra che in meno di un anno è riuscita a portare in giudizio e a far condannare per reati quali l’associazione a delinquere finalizzata all’evasione fiscale, al riciclaggio e alla ricettazione tutti i protagonisti dell’epopea dei negozi compro oro a marchio Mirko Oro e la galassia di società con a capo una serie di prestanome.

Giacomo De Luca, considerato a capo dell’associazione insieme a Mirko Rosa, è stato condannato a 5 anni e 4 mesi (per lui anche l’accusa di incendio), Mirko Rosa a 3 anni e 8 mesi, Andrea Fisichella (l’unico ancora in carcere, ndr) a 3 anni e 2 mesi, Giovanna Papagna a 1 anno e 1 mese, Ovaldo Rosa (padre di Mirko) a 1 anno. Tra i patteggiamenti si segnalano anche le condanne per Mario Ambrosetti a 3 anni e Luca Rovellini a 3 anni e 5 mesi.

Per tutti è stata comminata anche l’interdizione dai pubblici uffici mentre è stata disposta la confisca dei beni in sequestro che ammontano a 1,2 milioni di euro. Stralciati, infine, altri 7 patteggiamenti in attesa che l’Agenzia delle Entrate notifichi agli interessati quanto dovranno restituire al fisco.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 17 marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore