Frode fiscale, condanna per i fratelli Chiaravalli

Per non pagare 7 milioni di euro di tasse avrebbero messo in piedi un piano di ristrutturazione aziendale con l'obiettivo di svuotare la società in debito col fisco

nadia calcaterra giovanni antico gianluigi fontana

Alla fine sono arrivate le condanne in primo grado per i fratelli Chiaravalli, titolari dell’omonima azienda metalmeccanica multinazionale con sedi in diversi paesi europei e cuore a Cavaria con Premezzo. L’indagine risale al 2012 ed era stata condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria di Varese e dai militari della Guardia di Finanza in forza alla Polizia Giudiziaria

Secondo l’accusa, rappresentata dal pubblico ministero che aveva anche coordinato l’inchiesta Nadia Alessandra Calcaterra, gli imprenditori avevano tentato di smembrare l’azienda, attraverso la cessione del ramo d’azienda, svuotando di fatto la società di tutti i suoi beni per trasferirli ad altre quattro società gestite da prestanome con l’obiettivo di non pagare le tasse e le relative sanzioni per circa 27 milioni di euro in tutto, poi ridotta a 12 milioni (pagati interamente, ndr) in sede di contenzioso con l’Agenzia delle Entrate.

Utilizzando un’operazione formalmente legale, dunque, avrebbero cercato  di non ottemperare ad un loro dovere svuotando la società iniziale. In questo modo sapevano che il fisco non avrebbe potuto mai pretendere il pagamento della cifra perchè non c’erano più beni da aggredire.

Il Tribunale di Busto Arsizio ha condannato per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte i due fratelli ad un anno di reclusione ciascuno (l’accusa aveva chiesto due anni, ndr), 8 mesi alla madre dei fratelli Chiaravalli e 6 mesi per altre due persone coinvolte. E’ stata inoltre confiscata la somma di 3,5 milioni di euro.

Le difese, rappresentate dagli avvocati Cesare Cicorella e Stefano Bettinelli, hanno annunciato che ricorreranno in appello.

LA REPLICA DEI FRATELLI CHIARAVALLI

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Maggio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.