La Pro Patria festeggia: 2-1 al Seregno

Bortoluz e Disabato su rigore ribaltano il vantaggio iniziale dell'ex Capogna. Prestazione positiva per i Tigrotti, con il 3-5-2 che convince

pro patria

(foto Facebook –Aurora Pro Patria 1919 – Official)

La Pro Patria torna alla vittoria, superando in rimonta 2-1 il Seregno. Dopo il gol del vantaggio ospite dell’ex Capogna al 16’ del primo tempo, i tigrotti sono bravi a non scomporsi e trovare l’immediato pareggio (18’ pt) con Bortoluz. Nella ripresa la squadra di mister Bonazzi ha decisamente fatto la gara, trovano il meritato vantaggio al 22’ su rigore realizzato da Disabato e concesso per fallo di Ronchi su Bortoluz. Nel finale la difesa respinge i tentativi del Seregno riuscendo così a portare a casa i tre punti. Biancoblu che salgono così a 14 punti in classifica, riavvicinandosi alle zona alte della graduatoria, ma ora Ferraro e compagni dovranno dare continuità a questa vittoria.

FISCHIO D’INIZIO – La Pro Patria deve ritrovare la via della vittoria, che manca da due giornate, ma di fronte si trova il lanciato Seregno allenato dall’ex portiere Tigrotto Matteo Andreoletti. Mister Bonazzi prova a cambiare modulo, schierando davanti al portiere Monzani la difesa a tre con Angioletti, Zaro e Ferraro. A centrocampo Pedone e Barzaghi sono gli esterni, mentre in mezzo agiscono Arrigoni, Disabato e Santic. Attacco sulle spalle di Cappai e Bortoluz. Gli azzurri invece scendono in campo con il 4-3-3 con Lillo Capogna e Innocenti in attacco, mentre l’ex Corti parte dalla panchina.

IL PRIMO TEMPO – Ci mette qualche minuto la Pro Patria ad adattarsi al nuovo modulo e al 3’ Capogna va vicino al vantaggio con un diagonale mancino che si spegne di pochissimo a fil di palo. L’attaccante ex della sfida non perdona però al 16’, quando su azione d’angolo non ha problemi a mettere in rete da pochi passi. La Pro non affonda, si riorganizza e prima Pedone calcia di poco a lato, poi trova il pari con Bortoluz al 18’. La giovane punta Tigrotta stoppa in area, si gira bene e con un potente sinistro batte Bardaro. La squadra di mister bonazzi troverebbe il vantaggio al 23’ con un colpo di testa in tuffo si Cappai, ma l’arbitro vede un fallo dell’attaccante e annulla. La gara rimane vivace e al 32’ Cusaro di testa grazia la Pro spedendo a lato da ottima posizione, mentre al 42’ Cappai raccoglie ai trenta metri un rilancio sbagliato del portiere avversario, stoppa di petto ma calcia alto.

LA RIPRESA – Parte meglio la Pro Patria, che cerca di passare in vantaggio alzando il baricentro, mentre il Seregno con l’ingresso di Corti per Vingiano aumenta d’intensità ma non riesce più a costruire. Bortoluz al 16’ impegna Bardaro alla parata in tuffo con un destro potente dalla distanza, mentre al 18’ Gherardi, entrato per Cappai, spreca da ottima posizione alzando troppo il piatto sinistro su assist di Santic. Il gol però è maturo e arriva al 22’ su rigore: Bortoluz anticipa d’astuzia Ronchi al limite dell’area e viene steso, dal dischetto Disabato spiazza Bardaro per il 2-1. Bortoluz però deve lasciare il campo per il colpo subito, entra Casiraghi che per quanto volenteroso non può vantare il fisico del suo compagno e la Pro si abbassa sulla spinta degli ospiti. Al 30’ Barzaghi, per salvare di testa su un cross dalla sinistra del Seregno colpisce di testa la sua traversa, mentre al 38’ è sempre il legno alto a sputare il tiro di Gherardi deviato dal portiere. Nel finale il Seregno prova il forcing, ma la difesa della Pro regge bene dopo un lungo recupero causa l’espulsione del presidente degli ospiti, Ferraro e compagni si mettono in tasca i tre punti.

TABELLINO
Pro Patria – Seregno 2-1 (1-1)
Marcatori: al 16’ pt Capogna (S), al 18’ pt Bortoluz (PP), al 22’ st rig. Disabato (PP).
Pro Patria (3-5-2): Monzani; Angioletti, Zaro, Ferraro; Pedone, Arrigoni (dal 26’ st Piras), Disabato, Santic, Barzaghi; Bortoluz (dal 28’ st Casiraghi), Cappai (dal 9’ st Gherardi). A disposizione: Gionta, Garbini, Scuderi, Tondini, De Vincenzi, Andreasson. All.: Bonazzi.
Seregno (4-3-3): Bardaro; Ronchi, Moretto, Cusaro (dal 44’ st Caso), Arca; Marchini, Uliano (dal 25’ st Jeda), Vingiano (dal 1’ st Corti); Lillo, Capogna, Innocenti. A disposizione: Zambataro, Fumagalli, Terminello, Arduini, Romeo, Vaini. All.: Andreoletti.
Arbitro: sig. Di Girolamo di Avellino (Taras e Gavazza).
Note: giornata serena, terreno in discrete condizioni; Calci d’angolo 4-2; Ammoniti: Ferraro, Cappai, Santic; Corti, Moretto per il Seregno. Allontanato al 45’ st per proteste il presidente del Seregno Di Nunno. Recupero: 0’ + 6’.

Francesco Mazzoleni
francesco.mazzoleni@varesenews.it
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 30 Ottobre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.