«L’ortopedia di Cittiglio riaprirà fra sei mesi»

Due ore e mezza di riunione al Pirellone con azienda sanitaria e sindaci. Soddisfatti gli amministratori: “Incontro positivo, attenzione per le richieste del territorio”

ospedale di cittiglio

Reparto nuovamente operativo entro l’estate, bando per nuovi specialisti a febbraio, filo diretto con gli amministratori e soluzione tampone in questi mesi.

È unanime la soddisfazione per l’incontro di questo pomeriggio al Consiglio Regionale – tema ortopedia di Cittiglio e in generale futuro della struttura – a partire dal presidente della comunità Montana Giorgio Piccolo, che per primo ha dato l’annuncio: «Un incontro durato due ore e mezza che ha portato a mio avviso risultati molto positivi – ha affermato il presidente di Comunità Montana – . Erano presenti i vertici dell’azienda nella persona del dottor Bravi, oltre che ai Montoli e D’Angelo, rispettivamente di Luino e Varese. Grazie all’interessamento del presidente del consiglio regionale Cattaneo abbiamo ricevuto rassicurazioni che entro sei mesi il reparto tornerà a funzionare. Questo per un fattore decisivo che sarà l’ingresso di nuovo personale, che avverrà nei prossimi mesi».


Il ragionamento attorno all’utilità degli ospedali è sul piano della complementarietà: è stato ricordato l’alto numero di accessi di pronto soccorso di Cittiglio ma anche la peculiare posizione di Luino che garantisce un servizio per un bacino di utenza montano e con difficoltà di spostamento.

L’incontro, seguito a quello di ieri, mercoledì 21 dicembre a Varese alla presenza dell’assessore regionale alla sanità, era stato chiesto dai sindaci di Cittiglio e Brenta per interessare i livelli “milanesi” della politica: la Regione, dopo la manifestazione avvenuta sabato scorso.
«Le rassicurazioni avute dovranno trasformarsi in realtà, è quello che ci aspettiamo visto l’alto livello dal quale sono state pronunciate – ha commentato il sindaco di Brenta Gianpietro Ballardin – . E stiamo parlando di rassicurazioni non solo politiche, ma anche tecniche. Il prossimo appuntamento sarà per il 15 di gennaio per verificare la possibilità di ripristinare soluzioni di emergenza-urgenza in ambito traumatico: l’ipotesi sul piatto potrebbe essere quella di spostare nel frattempo personale a Cittiglio, in attesa del ripristino del reparto».

Fabrizio Anzani, sindaco del comune dove si trova l’ospedale, non sta nella pelle e parla di «riunione passionale, fitta, dove si è molto discusso e dove sono state portate ancora una volta a galla le caratteristiche del nostro ospedale e del territorio dove si trova. A questo proposito c’è innanzitutto da ringraziare il comitato di cittadini, e la commissione medica che ha saputo dimostrare che abbiamo i numeri per stare in piedi».

Cattaneo incassa anche da Anzani un grande plauso: «Ha saputo fare da cerniera tra nostre esigenze e management dell’ospedale. La promessa di riapertura, l’individuazione “tattica” fino ad aprile di medici che possano sopperire alla chiusura del reparto sono delle soluzioni ottimali. E non sono voci di corridoio», afferma Anzani concludendo «col ringraziamento, consentitemelo, dei sindaci del distretto: oggi c’è un esempio di come si deve affrontare, uniti, un problema. Con l’obiettivo di risolverlo. Siamo stati capaci di mettere insieme le forze a prescindere dall’appartenenza politica, per trovare soluzioni. E permettetemelo, in questo anche la stampa ha giocato un ruolo fondamentale».

di andrea.camurani@varesenews.it
Pubblicato il 22 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gelo

    “Sarà vero oppure no lo scozzese la raccontò”
    Speriamo che non sia uno dei soliti annunci politici cui ci ha abituato il Tg e che non si realizzano mai.

Segnala Errore