Paesaggi mozzafiato e cibi da scoprire: “Mangia Bevi e Bici” pedala verso la 7a edizione

Il prossimo 10 settembre tornerà la pedalata tra le bellezze naturali e i produttori gastronomici del Basso Verbano. Con un inedito tocco musicale.

Mangia bevi e bici

Da sei anni, nel Basso Verbano, c’è un modo speciale per scoprire il territorio e i suoi sapori: si chiama “Mangia Bevi e Bici” e sarà organizzata per il settimo anno il prossimo 10 settembre.

Il nome spiega molto – ma non tutto – della manifestazione presentata quest’oggi alla Camera di Commercio di Varese e che è organizzata dalla “Libereria del Romeo” di Ispra in collaborazione con enti e associazioni della zona. In sostanza, il programma prevede che i partecipanti effettuino un tour tra i laghi varesotti a bordo della propria bicicletta e si fermino, di volta in volta, ad degustare – dal piatto o dal calice – una serie di leccornie offerte dai produttori enogastronomici della zona. Il tutto senza troppa fatica – ci saranno tre percorsi, tutti a portata di famiglie – transitando su strade secondarie e godendo di alcuni panorami naturali mozzafiato.

«Resta invariata la formula, ma cambia il tema scelto per l’edizione 2017 – raccontano Alessandra Doridoni e Lorenzo Franzetti, i due organizzatori – Questa volta il percorso sarà impreziosito da fermate “musicali” allestite in collaborazione con il festival “Il lago cromatico” e dedicate alla canzone popolare. Ci saranno per esempio la “Bandella del Ghezz”, l’esibizione di Cristina Mechia, il coro Fiocco di Neve ma anche i ticinesi “Corni delle Alpi” a impreziosire la nostra pedalata tra natura e cibo».

La “Mangia Bevi e Bici” richiama ogni anno tra i 200 e i 300 partecipanti: «La maggior parte di loro – spiega Franzetti – arriva dalle province vicine alla nostra, da un raggio di 70/80 chilometri. E in molti ritornano a riscoprire i luoghi toccati con la pedalata. Per questo il nostro obiettivo sarà quello di far diventare la Mangia Bevi e Bici un appuntamento per tutto l’anno, non solo confinato a una singola domenica». Anche per questo gli organizzatori si sono legati a una serie di partner che possono dare continuità a questa idea lungo l’arco delle stagioni: basti pensare, per esempio, al tour operator specializzato “Due ruote nel vento” che permetterà l’arrivo da fuori a eventi simili.

«Il Basso Verbano – prosegue Franzetti – offre percorsi particolarmente adatti a questo tipo di cicloturismo, visto che non ha asperità come quelle che ci sono nel Nord del Varesotto per le quali serve un po’ di allenamento. In quelle zone, tutti possono pedalare senza problemi, anche grazie a una rete di strade secondarie e di sentieri che si possono sfruttare. Anzi, una delle nostre idee è anche quella di aiutare a ripristinare strade non più utilizzate che la natura si sta riprendendo: una soluzione che permette, a un costo relativamente basso, di avere nuove vie ciclabili senza dover ricorrere a piste costruite dal nuovo. E poi ci sono i produttori e le associazioni locali che rappresentano mondi da scoprire: tra i nostri partner c’è per esempio “Cascina Piano”, che ha riportato ad Angera il vino e i vigneti, ma sono molte le iniziative di questo tipo. Il calo dell’industria sta portando molte persone a ritornare alla terra: con Mangia Bevi e Bici le scopriremo insieme».

Domenica prossima – 9 luglio – intanto, ci sarà una sorta di antipasto di quanto avverrà il 10 settembre: da Angera partirà (e arriverà) infatti la pedalata “Il pane, la terra e la storia”, che ha organizzazione e finalità simili, seppure su scala ridotta. Per questa iniziativa le iscrizioni sono aperte sino a giovedì 6 luglio (20 euro gli adulti, 12 i bambini; percorso di 18 chilometri).
Per quanto riguarda la “Mangia Bevi e Bici”, invece, tutte le informazioni e per le domande di iscrizione ci si può rivolgere al numero 348-8516760 o all’indirizzo e-mail lalibereria@bottegadelromeo.com.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 03 luglio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore