Cancelli al Lazzaretto, si cerca la soluzione tra privati

Soddisfatta la minoranza per la volontà da parte dell’amministrazione di garantire un passaggio per raggiungere la storica località

Il cancello alla strada del Lazzaretto

Chi ha recintato la strada che porta al Lazzaretto di Gavirate ha tutti i permessi in regola e poteva farlo. Ma non sempre le scelte che rispettano la legge sono quelle salutate in modo positivo da una comunità. È il caso della strada che porta alla piana dove dai tempi della peste venivano curati gli ammalati, il Lazzaretto.

Oggi c’è una chiesetta e uno spazio di ritrovo in cui alpini e associazioni fanno di tanto in tanto feste e organizzano passeggiate.

Dall’estate scorsa un privato che ha un terremo attraversato dal sentiero ha deciso di recintare la sua proprietà.
Oltre alla raccolta firme dei gaviratesi ieri sera è stata discussa in consiglio comunale un’interrogazione presentata dalla minoranza dove si chiedeva conto all’amministrazione della faccenda.

In sindaco Silvana Alberio ha risposto che il privato aveva tutte le autorizzazioni in regola per la recinzione del passaggio.
Il consigliere di minoranza Lucchina ha proposto sul punto che l’amministrazione si faccia parte attiva nel trovare una soluzione, magari coinvolgendo i privati proprietari dei fondi della zona. «Siamo soddisfatti dell’atteggiamento della maggioranza che ha accolto la nostra proposta. L’interrogazione ha aperto un confronto serio che verrà posto nelle sedi istituzionali».

di
Pubblicato il 26 settembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore