Un altro cervo investito sulla tangenziale

Ieri sera l'ennesimo incidente con un animale selvatico sulla tangenziale Arcisate - Bisuschio, una strada che forse richiederebbe un intervento per la sicurezza di animali e automobilisti

cervo abbattuto via peschiera

(immagine di repertorio)

E successo ancora: ieri sera, sulla tangenziale Arcisate Bisuschio, un animale selvatico è finito sotto le ruote di un’auto.

Questa volta si è trattato di un grosso cervo, adulto, rimasto ferito nell’impatto con il veicolo. Fortunatamente l’auto, secondo le testimonianze, procedeva a velocità moderata e dunque non si sono stati feriti.

L’ennesimo episodio di una questione che ormai si pone con una frequenza allarmante.

La tangenziale che collega Arcisate a Bisuschio, costruita in un’area prima boschiva e agricola, ha evidentemente tagliato un importante corridoio naturale utilizzato dagli animali selvatici per spostarsi nel territorio. Oggi quel corridoio non c’è più, trasformato in una nastro d’asfalto dove sfrecciano auto e camion, ma gli animali – cervi, caprioli, cinghiali e volpi, ma anche lepri e tassi – non consapevoli dei pericoli conservano l’istinto di muoversi suglgli antichi tracciati in cerca dei loro abituali territori di pascolo o di caccia.

Evidentemente, quando la strada è stata realizzata non si è tenuto conto di questo, e non sono state studiate misure sufficienti per proteggere la fauna e gli automobilisti, per i quali su quella strada il pericolo di un incidente con un animale selvatico è elevatissimo. Chiaramente più alta è la velocità più elevato il rischio, ma anche viaggiando a velocità ridotta l’impatto o le manovre per evitare l’animale possono essere molto pericolosi.

In altre località – come in Canton Ticino ma anche nel Luinese e in Valcuvia – sono stati installati sistemi radar  per segnalare agli automobilisti la presenza di selvatici sulla strada, altrove sono stati realizzati speciali tunnel per consentire agli animali di passare in sicurezza da una parte all’altra della strada. Sono sempre di più i cittadini della valle che si domandano se non è il caso che la questione venga posta anche per la tangenziale della Valceresio.

di mariangela.gerletti@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore