Incendio Campo dei Fiori, 750 mila euro dalla Regione

Soddisfatti i sindaci di Luvinate e Barasso: "Subito al lavoro per sicurezza e prevenzione"

Incendio Campo dei fiori, la notte dei vigili del fuoco, 30 ottobre

750.000 euro per la messa in sicurezza idrogeologica di Barasso e Luvinate, soprattutto dopo il grave incendio dello scorso ottobre che ha reso ancora più fragile e vulnerabile il territorio montano delle due comunità.

E’ questo l’importante risultato raggiunto oggi con la delibera di Regione Lombardia che ha stanziato circa 600.000 euro destinato ad interventi sul territorio di Luvinate; settimana scorsa invece era stato deliberato un contributo di quasi 150.000 € per il territorio di Barasso.

SINDACI: GRAZIE A REGIONE, DOPO INCENDIO INTERVENTI CONTRO RISCHI IDROGEOLOGICI – “Esprimiamo la nostra soddisfazione ed il nostro ringraziamento al Presidente Fontana, alla sua squadra ed alle Direzioni Agricoltura e Territorio della Giunta lombarda. Dopo mesi di interlocuzioni e confronti, siamo ora giunti al primo importante stanziamento. Interverremo così –sottolineano i Sindaci di Barasso e Luvinate Antonio Braida ed Alessandro Boriani- su quelle zone all’interno del Campo dei Fiori note da tempo per fragilità e tenuta idraulica ed ulteriormente aggravate dall’incendio dell’ottobre scorso. Purtroppo i terreni percorsi dalle fiamme risultano essere più impermeabili e a fronte di possibili bombe d’acqua e senza piante o arbusti il rischio di cedimenti strutturali risulta molto più alto. E’ proprio quanto accaduto nei giorni scorsi in Val di Susa: territori colpiti prima da incendi e poi da frane ed alluvioni, con 200 persone evacuate”.

SINDACI: DA ENTE PARCO EFFICIENZA ED ATTENZIONE – “Vogliamo anche dire il nostro grazie al Presidente dell’Ente Parco Giuseppe Barra ed ai suoi uffici che hanno ogni giorno seguito, con attenzione ed efficienza, tutto l’iter amministrativo che ha ci ha condotto all’odierno risultato. Da oggi si proseguirà – sottolineano i due Sindaci – per mettere in campo, proprio con il coordinamento dell’Ente Parco, tutte le procedure per l’avvio dei lavori”.

BARRA: PRIORITA’ A SICUREZZA E PREVENZIONE – Anche il Presidente dell’Ente Parco Giuseppe Barra condivide la soddisfazione dei Sindaci per questo importante finanziamento. “La messa in sicurezza rispetto al rischio idrogeologico era la prima priorità d’intervento dopo l’incendio. Ringrazio il Governatore Fontana, l’assessore Rolfi, l’assessore Foroni e tutto lo staff del settore territorio – rischio idrogeologico che con celerità e competenza si sono prodigati per risolvere questa situazione molto critica”.

PROSSIMI PASSAGGI – Se il primo obiettivo, quello di reperire risorse per fronteggiare possibili criticità a ridosso dei due paesi è stato raggiunto, rimane il tema complessivo degli interventi (messa in sicurezza, ripiantumazione) su tutto il resto dell’area colpita dagli incendi. Si tratta di circa 350 ettari, per un danno stimato di circa 3.000.000 euro tra Barasso, Comerio, Luvinate, Varese, Valganna e Brinzio. Su questo ulteriore passaggio Regione Lombardia ha già ricevuto dallo scorso novembre la documentazione necessaria mentre il Consiglio Regionale era intervenuto con un ordine del giorno ad hoc. “Sappiamo della grande attenzione che il Presidente Fontana rivolge al Campo dei Fiori e, più in generale, alla sicurezza ed alla prevenzione dei territori di tutta la Regione. Per questo siamo fiduciosi di poter avere risposte positive nei prossimi mesi anche su questo fronte”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 giugno 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore