Missione in Russia per Confartigianato

Dal 7 al 10 novembre il presidente Davide Galli, il responsabile del Dih di Tradate Davide Baldi e l’esperto di Internazionalizzazione Matteo Campari saranno nella regione di Astrakhan

Studenti da Astrakhan al Faberlab

Dal 7 al 10 novembre il presidente di Confartigianato Davide Galli, il responsabile del Dih di Tradate Davide Baldi e l’esperto di internazionalizzazione Matteo Campari saranno nella regione di Astrakhan per rafforzare la collaborazione con l’università di Astrakhan, in occasione dello Smart Future, e avviare contatti per valutare le opportunità di esportazione per le pmi della provincia di Varese.
Il rapporto tra Confartigianato Imprese Varese e la regione di Astrakhan nasce nel 2016 al Salone del restauro di Denkmal a Lipsia. (nella foto studenti di Astrakhan al Faberlab)

APRIAMO UNA PORTA AL FUTURO
Lo scopo della trasferta è duplice: da un lato la collaborazione sempre più stretta con l’Università di Astrakhan (iniziata nel 2016) dove quest’anno, in occasione dello “Smart Future” (concorso lanciato tra gli studenti per dare uno slancio alla loro futura carriera nel mondo del lavoro) Faberlab diventerà un caso di studio. Dall’altro, considerando la vivacità merceologica della regione, la delegazione di Confartigianato Imprese Varese incontrerà alcuni vertici del governo di Astrakhan per valutare tutte le possibilità di import/export particolarmente interessanti per il business delle aziende varesine.

FABERLAB DESIGN STIMOLA IL CONTEST UNIVERSITARIO
Faberlab, in collaborazione con Lessmore, Giorgio Caporaso e Setecs srl, sottoporrà ai giovani alcuni casi che richiedono soluzioni altamente tecnologiche e innovative.

Caso 1
Lasciandosi ispirare dal progetto open source del giardino sferico (The Growroom) realizzato da Space 10, studio di design danese, che permette a chiunque di coltivare un proprio orto in casa in modo sostenibile, gli studenti dovranno produrre un oggetto “Home” con contenuti tecnologici per il benessere della vita di tutti i giorni, a casa o in ufficio. Il progetto dovrà essere sostenibile e saranno privilegiati i progetti di economia circolare.

Caso 2
Si compone di tre progetti diversi di sostenibilità ambientale: un tavolo modulare; un sistema modulare di scatole, librerie o pareti e un sistema funzionale e tecnologico con i quali far crescere piante (aromatiche o meno) negli ambienti di casa, spazi di lavoro, luoghi di incontro.

Caso 3
Si compone di due progetti diversi. Primo: un sistema funzionale con materiali riciclati e riciclabili per proteggere cibo e bevande alimentari durante il trasporto e la consegna. Una volta utilizzati, i materiali potranno essere riutilizzati per oggetti d’arredamento. Secondo: un sistema di protezione del packaging ecosostenibile che può essere realizzato con materiali riciclati e riciclabili a base di cellulosa (carta e cartone).

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore