Più spazi, trasporti e posti letto nei programmi del nuovo rettore

È iniziato il mandato del rettore dell'Insubria Tagliabue che terrà fede al suo programma elettorale: “ “Una Casa Comune per accogliere e far crescere Talenti e Competenze”

elezione rettore dell'Università dell'Insubria 2018-2024

L’Università dell’Insubria ha accolto il nuovo rettore Angelo Tagliabue eletto lo scorso luglio con 239 voti. Al suo fianco il professor Stefano Serra Capizzano che sarà per i prossimi 6 anni il Pro Rettore Vicario.

La nuova squadra di governo eredita un ateneo istituito su più sedi ( come volle l’atto fondativo di vent’anni fa) con diversi punti di forza dalla didattica di qualità, alla ricerca di alto livello nazionale e internazionale, sino ai risultati per l’ingresso nel mondo del lavoro e capacità di essere punto di riferimento per il territorio.

Studenti, eccellenza, territorio: queste sono le tre parole chiave su cui i nuovi vertici si metteranno immediatamente in moto. Una crescita che si prospetta del 10% nel numero delle matricole anche per quest’anno accademico rappresenta un successo per l’Ateneo, risultato lo scorso anno secondo in Italia per crescita percentuale degli immatricolati, e si trasforma in sprone per tutti gli interventi di accoglienza che i vertici hanno indicato nel loro programma elettorale: un secondo collegio che si affianchi al Collegio Cattaneo nel Campus di Bizzozero; maggiori servizi nella sede di Como che si concretizzino in un collegio, un servizio mensa e convenzioni per i trasporti; interventi di edilizia nella sede di Varese dove i numeri (circa 1100 matricole soltanto per i corsi di laurea in Economia e Scienze della Comunicazione) richiedono aule e spazi.

Accoglienza per i sempre più numerosi studenti che arrivano da lontano, tra cui anche un numero crescente di dottorandi, ma anche per studiosi eccellenti che collaborano con i ricercatori dell’Ateneo e che diventano docenti in aule frequentate non solo da studenti ma anche dai ricercatori stessi.

“Una Casa Comune per accogliere e far crescere Talenti e Competenze” è stato lo slogan della campagna elettorale dei professori Tagliabue e Serra Capizzano: competenze interne all’Ateneo, competenze per gli uomini e le donne di domani che si formano in Ateneo ma anche competenze diffuse nel territorio, inteso come imprese, scuola, organizzazioni non-profit e società.

Ora più che mai infatti, i nuovi vertici intendono fare della Terza Missione e del Public Engagement uno dei fiori all’occhiello di Insubria: per un Ateneo radicato su un territorio come quello a cavallo tra le province di Como e Varese, è fondamentale informare, ascoltare e collaborare con un dialogo continuo che porti a crescita comune, riflessione sulle politiche e sugli argomenti della ricerca, condivisione di problemi e risultati.

In quest’ottica va visto un passo storico nella sede di Como: l’istituzione del Dipartimento di Scienze Umane, dell’Informazione e del Territorio, in cui confluiranno tutti i saperi umanistici presenti in Ateneo insieme ad un ristretto ma qualificato gruppo di docenti di ambito scientifico per coniugare quei due mondi che spesso vivono in universi separati, e che invece possono fare sinergia per valorizzare un territorio ricco di storia e di scienza, facendo emergere le peculiarità che lo contraddistinguono e lo rendono patria di turismo non solo paesaggistico ma anche culturale. Una scommessa che richiede collaborazione stretta tra l’Università e gli Enti del territorio comasco, su cui Rettore e Prorettore stanno lavorando con entusiasmo in questi mesi.

Lo stesso entusiasmo presente in un’altra mossa importante, che intreccia ancora una volta sapere umanistico e scientifico: rendere Villa Toeplitz, uno dei luoghi più incantevoli e visitati di Varese, non solo location in cui si tengono scuole e congressi ma sede di due fiori all’occhiello dell’Ateneo, affiancando il Centro Internazionale di  Ricerca per le Storie Locali e le Diversità Culturali, con Presidente il primo Rettore e Fondatore dell’Ateneo, Renzo Dionigi, e Direttore Scientifico Gianmarco Gaspari, professore associato al Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate, alla Riemann International School of Mathematics, l’associazione che promuove l’alta formazione e la ricerca in matematica con Direttore Daniele Cassani, professore associato al Dipartimento di Scienza e Alta Tecnologia, già ospitata dalla Villa.

«Il futuro del nostro Ateneo è legato alla capacità di appropriarsi pienamente del proprio ruolo di motore culturale e formativo, di centro di produzione e diffusione del sapere, in cui lo studio e la Ricerca rappresentino un valore in sé ed in grado di trasmettere non solo informazioni, ma anche metodologie, strumenti, stimoli, capacità di analisi e di critica» affermavano la coppia Tagliabue e Serra Capizzano durante la campagna elettorale : «La sfida è iniziata: l’Insubria è pronta ad affrontarla!»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore