Ex cliente ricattato, in manette prostituta e protettore

I reati contestati sono estorsione e favoreggiamento della prostituzione: i due sono ai domiciliari

prostituzione

«Paga, oppure diciamo a tutti che vai con le prostitute». Tradotto: estorsione.

Difatti nella serata di ieri, martedì, i carabinieri della stazione di Varese hanno arrestato in flagranza di reato un 54enne artigiano di Varese ed una 43enne casalinga di nazionalità polacca, ritenuti responsabili, in concorso, del reato di estorsione e, per il solo 54enne varesino, del reato di favoreggiamento della prostituzione.

I militari hanno raccolto la denuncia di un 61enne del luogo, che riferiva ai carabinieri di essere stato costretto a versare del denaro alla coppia, che lo aveva minacciato – seppur in maniera velata – di divulgare la notizia alla cerchia di amici e parenti.

I carabinieri bloccavano gli indagati all’interno di un’abitazione del centro, mentre si facevano consegnare dalla vittima 500 euro in contanti, ritenute provento di presunte prestazioni sessuali non pagate e consumate con la stessa 43enne casalinga.

Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, venivano sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore