Varese Calcio, è un altro bluff: Altomonte si ritira

L'acquirente della società biancorossa fa dietro-front a poche ore dalle ultime rassicurazioni. Mercoledì 10 era in programma l'annuncio del nuovo assetto

Domenico Altomonte

Altro che «confermo tutto per domani». Altro che «Ci sono le garanzie». Altro che «il 10 aprile saprete tutto». Nulla di tutto ciò: a poche ore dalle ultime dichiarazioni positive, rilasciate anche a VareseNews, Domenico Altomonte fa marcia indietro e annuncia di rinunciare ad acquisire il Calcio Varese per conto degli investitori ventilati solo pochi giorni orsono.

Il cambio di rotta, repentino, in un comunicato inviato all’ora di cena nel quale Altomonte evita accuratamente di spiegare i motivi di questo addio (perché non dire cosa è accaduto in queste ore?) e saluta la piazza parlando di 60 giorni di estenuanti attività. Dimenticando che per i tifosi e per tutti coloro che seguono il Varese i giorni estenuanti sono stati almeno un migliaio, fino a questo momento.

Lo avevamo detto: daremo credito vero – questa la posizione del nostro giornale – quando vedremo il sacchetto con i soldi sul tavolo, a chiudere almeno qualcuna delle posizioni aperte (stipendi a giocatori e lavoratori, pagamento delle utenze per lo stadio). Ma anche questa volta, registriamo una retromarcia in vista del traguardo. Altro che «il 10 vi diremo tutto». L’unica cosa detta è “addio”, con una ventina di ore d’anticipo.

Di seguito, per conoscenza, il comunicato ufficiale.

«Con grande rammarico ho maturato la decisione di rinunciare all’acquisizione del Calcio Varese srl. Tralasciando i motivi che hanno reso impossibile questa operazione, ribadisco la mia posizione, la mia buona volontà e la trasparenza dimostrate alla conferenza stampa dell’1 aprile. Oggi ho constatato che non ci sono le condizioni idonee per il proseguimento della trattativa, dopo quasi 60 giorni di estenuanti attività mirate alla risoluzione dei problemi sia legali che fiscali. La città di Varese è piena di tifosi appassionati, ai quali avrei voluto regalare un nuovo sogno. Nutro profondo affetto per la città e per i gloriosi colori della squadra di calcio ed in virtù di ciò ho creduto fino in fondo a questo progetto che avrebbe meritato migliore fortuna. Ringrazio tutti coloro che mi hanno supportato, professionalmente e amichevolmente. Domenico Altomonte».

 

 

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 09 aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da jean_blanquart

    non ci sono parole ne paragoni per discrivere questo!

  2. Scritto da diadora

    prima era onze, poi gran risparmio…
    dopotutto era il primo di aprile quando era tutto a posto….
    parole per descrivere alto.monte non ce ne sono, almeno per essere pubblicabili.

    arridatece rosati.
    tanti buchi e puffi ne son piene le squadre…
    ps palermo docet. nessuno indaga?

Segnala Errore