Doppio zero per Rovera, varesini senza grandi acuti

Il giovane pilota Mercedes fermato per due volte da guai tecnici. GT4: De Castro a podio in G2, Magnoni regolare, Marchetti-Mantori a punti. La Scuderia Girasole in testa nel campionato TRC

campionato italiano gran turismo imola 2019

Fine settimana difficile per i tanti piloti varesotti impegnati nel Campionato Italiano Gran Turismo (CIGT) in versione Sprint, che ha fatto tappa all’Autodromo di Imola intitolato a Enzo e Dino Ferrari. Sia Alessio Rovera (in GT3), sia Sabino De Castro (in GT4) sono andati incontro a guasti tecnici e hanno perso la leadership delle rispettive classifiche, ma il weekend motoristico non ha portato risultati significativi neppure per i vari Magnoni, Marchetti e Mantori al volante delle vetture della scuderia jeraghese Nova Race.

GT3

Per Alessio Rovera le gare di Imola sono finite con un imprevisto e doloroso “doppio zero”: la Mercedes Amg Gt3 condivisa dal giovane varesino e da Riccardo Agostini è stata infatti costretta al ritiro sia in Gara 1 (sabato) sia in Gara 2 (domenica) per due diversi problemi. Nel primo caso è stata una foratura a fermare la vettura del team Antonelli Motorsport mentre Rovera si trovava nella bagarre in zona punti; nel secondo invece era il cedimento di un ammortizzatore a fermare Agostini nella prima metà di gara, mentre la Lamborghini di Mol e Postiglione andava a conquistare il successo, consolidando così il primato in classifica.

«Da ora in poi sarà vietato sbagliare – sono le parole di Rovera – In pista e fuori. Dobbiamo rimanere focalizzati sul lavoro da svolgere, che è tanto ma che fino a gara 1 a Imola è stato positivo. Purtroppo stavolta è andato tutto storto nelle due gare, dopo qualifiche comunque discrete, ma queste sono le corse e dobbiamo subito voltare pagina per fare in modo che questo doppio zero non risulti determinante».

Classifica (dopo 4 gare): 1) Mul-Postiglione (Lamborghini-Imperiale) 60; 3) Fuoco-Hudspeth (Ferrari-AF Corse) 42; 5) Comandini-Johansson (Bmw Team Italia) 36; 7) ROVERA-Castiglioni (Mercedes-Antonelli) 35; 9) Casé-Veglia (Ferrari-Easy Race) 30.

GT4

Il podio colto da Sabino De Castro (con Simone Riccitelli) in Gara2, secondo posto, è l’unica “medaglia” al collo di un varesino a Imola nel CIGT. Il castellanzese – su Porsche Cayman di Ebimotors – ma non è bastato per mantenere una leadership ora appannaggio di Fascicolo e Guerra (Bmw) che hanno ottenuto ben 35 punti – un primo e un secondo – nel fine settimana dell’autodromo “Enzo e Dino Ferrari”. Peccato per Gara1 quando un contatto tra Riccitelli e un altro pilota hanno costretto la vettura al ritiro nel finale di corsa: la Cayman numero 251 ha comunque ottenuto 2 punti. Nella seconda prova invece il gran finale di De Castro ha permesso al team di chiudere sulla piazza d’onore. È invece di un quarto e un quinto posto il bilancio di Luca Magnoni, sulla prima delle due Ginetta G55 di Nova Race: l’esperto pilota varesino ha scelto di girare con regolarità e ha così guadagnato 13 punti complessivi. Non male per la piccola vettura inglese affidata anche all’accoppiata formata da Alessandro Marchetti e Carlo Mantori: l’acquazzone di sabato mattino e alcuni episodi di gara hanno complicato la vita alla vettura arancione numero 209. In G1 i sorpassi iniziali di Marchetti sono stati “congelati” dalla safety car, in G2 un contatto tra Mantori e lo stesso Magnoni ha causato una penalità al gallaratese che ha tolto le velleità di podio. Per l’equipaggio tutto varesotto, un quinto e un settimo posto con 9 punti totali: bottino apprezzabile considerando le dieci vetture al via e i tanti “pro” sparsi tra gli abitacoli rivali.

Classifica (dopo 4 gare): 1) Fascicolo-Guerra (Bmw Team Italia) 62; 3) DE CASTRO-Riccitelli (Porsche-Ebimotors) 57; 5) Ghezzi-Camathias (Porsche-Autorlando) 39; 7) MAGNONI (Ginetta-Nova Race) 35; 8) Piccioli-Costa (Porsche-Ebimotors) 23; 10) MARCHETTI-MANTORI (Ginetta-Nova Race) 21.

TRC ITALY

Sorriso varesotto, invece, nel campionato TRC Italy dove la Scuderia del Girasole diretta da Tarcisio Bernasconi e Andrea Sabella si è imposta in gara con il pilota Salvatore Tavano. Il portacolori, al volante della sua Cupra-Seat è così passato in testa alla classifica generale con 70 punti, otto lunghezze di vantaggio sul secondo posto.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 25 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore