“Il futuro del Del Ponte non è incerto”

Il direttore dell'Asst Sette Laghi assicura l'apertura di Pronto Soccorso Pediatrico e Terapia Intensiva Pediatrica entro fine anno

fondazione il ponte del sorriso

«”No, il futuro dell’Ospedale Del Ponte non è incerto. Siamo stati chiamati a realizzare un polo di riferimento regionale per la donna e il bambino: non è una sfida da poco, ma ora un importante traguardo si vede, alla fine di quest’anno, e le azioni intraprese stanno a confermarlo» a parlare è il Direttore Generale dell’ASST dei Sette Laghi, il Dott.Gianni Bonelli.

Il direttore replica al nostro articolo in cui elencavamo i problemi ancora aperti per il decollo del quinto polo di riferimento regionale. «Quando il Del Ponte è stato chiamato ad affrontare questa sfida, ne siamo stati orgogliosi – continuano il Direttore del Dipartimento della Donna e del Bambino dell’ASST dei Sette Laghi, il Prof. Massimo Agosti, e il Prof. Fabio Ghezzi, Direttore della Rete Integrata Materno-Infantile, che proprio all’Ospedale Del Ponte hanno il loro quartier generale, l’hub, come si dice in gergo tecnico – Certo che, oltre allo sforzo economico, edile, impiantistico, tecnologico ed organizzativo, c’è poi il grande investimento umano e professionale, con professionisti che sono stati chiamati a riempire il progetto strutturale di contenuti clinici. Stiamo crescendo, grazie allo sforzo davvero encomiabile di tutto il personale sanitario, ed abbiamo così ampliato la nostra offerta clinico-sanitaria, alzando, e non di poco, l’asticella. E anche se il percorso non è ancora concluso, abbiamo contribuito tutti insieme a far diventare sempre di più il Del Ponte un ospedale di riferimento non solo regionale». 

«Per quanto riguarda la chirurgia pediatrica – interviene il Dott. Valerio Gentilino, Direttore della Chirurgia pediatrica – è stato creato un reparto che prima non c’era, la sfida è davvero affascinante, dobbiamo operare e far sapere al territorio che ci siamo, che si possono rivolgere a noi, è un percorso rapido ma graduale, che deve modificare le abitudini preesistenti. Nessun problema, del resto, di attrattività per i chirurghi – precisa il Dottor Gentilino – che sono già stati sostituiti»

«Sul piano degli anestesisti – precisa il Dott. Ambrosoli, Direttore dell’Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Del Ponte – si rileva un turnover assolutamente fisiologico, nell’ambito di una carenza a livello nazionale di specialisti nel settore». 

«Entro la fine dell’anno, grazie ai 2 milioni di euro stanziati dalla Regione – aggiunge Bonelli-  avremo il Pronto Soccorso Pediatrico e la Terapia Intensiva Pediatrica, che aiuteranno anche l’attività di Chirurgia pediatrica a decollare. Per raggiungere questo risultato, sono già stati assunti ulteriori 6 pediatri che prenderanno servizio nei prossimi mesi, il primo a partire da luglio, a mano a mano che termineranno il periodo di preavviso negli ospedali dove lavorano attualmente. Contemporaneamente, arriveranno anche 5 anestesisti, che sono già stati selezionati. E non dimentichiamoci 20 nuovi infermieri, pronti a raggiungere piazza Biroldi per dare ulteriore concretezza a questo grande progetto». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore