«Stranezze di paese sulle note musicali»

Una dura critica all'amministrazione comunale a firma di Fernanda Ribolzi Presidente Filarmonica di Cocquio Trevisago

Avarie

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta a firma Presidente Filarmonica di Cocquio Trevisago

Cocquio Trevisago, un paese di circa 4800 abitanti avrà 2 bande musicali?

La domanda si pone dopo che il 13 luglio scorso si è tenuto presso il Teatro Soms a Caldana di Cocquio Trevisago un concerto da parte di una “fantomatica“ Banda di Caldana, ignorando del tutto la Filarmonica di Cocquio Trevisago, operante sul territorio dal 2016 e regolarmente iscritta nell’albo delle Associazioni comunali.

A questo punto corre l’obbligo di dare qualche spiegazione al riguardo in quanto diversi cittadini mi hanno contattato, quale Presidente della Filarmonica per avere delucidazioni e ringrazio Varese News che mi offre questa opportunità.

La “fantomatica“ Banda di Caldana che qualcuno vorrebbe far rinascere è stata fondata diversi anni fa da certo Gianni Picconi e la sottoscritta ne è stata Presidente per diverso tempo negli anni dal2000 al 2012 dopo di che ha cessato l’ incarico per motivi personali ed è stata richiamata alla Presidenza nel 2014.

Il 18 marzo 2016 la banda venne chiusa (…)

La sottoscritta, quale Presidente in carica, gli strumentisti ed i soci, sono stati informati del fatto ben 3 mesi dopo e all’improvviso la Banda non esistendo più, ha dovuto cessare qualsiasi attività e a novembre dello stesso anno, a seguito richieste pressanti di numerosi cittadini è stata rifondata con il nome di “Filarmonica di Cocquio Trevisago“, scelta fatta poiché Caldana è semplicemente una frazione e sembrava altamente divisivo denominare la Banda solo di Caldana ed inoltre è stata una scelta dettata dal rispetto verso l’ Amministrazione ed i cittadini tutti.

In questi anni la Filarmonica ha svolto varie attività: concerti, presenza a manifestazioni civili e religiose, pranzi sociali e scuola di musica ad orientamento bandistico per bimbi. Purtroppo avendo avuto qualche difficoltà di comprensione con la presente Amministrazione che comunque ringraziamo per averci messo a disposizione un pomeriggio la settimana, la sala polivalente per le prove, abbiamo abbandonato seppure a malincuore e con dispiacere sia dei bambini che dei genitori la scuola di musica (avevamo nel 2017 n. 12 allievi).

Scuola di musica basilare poiché come è facile intuire, ogni attività deve programmare la continuità ed il proprio futuro, ma purtroppo le scarse risorse a disposizione non ci permettevano di continuare.
Pertanto quanto dichiarato sabato sera che praticamente in questi anni si è sentita la carenza di una Banda, è completamente falso. A questo riguardo esistono tesseramenti, verbali di consiglio, assemblee, testimonianze con foto di concerti, pranzi ( lo stesso Gianni Picconi e famiglia sono tesserati ) etc.

In effetti il concerto, ripeto, (…) la Filarmonica di Cocquio T. è regolarmente registrata come tale c/o l’Ufficio delle Entrate a Gavirate, ha un codice fiscale ed è iscritta e riconosciuta dall’ANBIMA (Associazione Nazionale Bande Italiane).

Altamente mi meraviglia che l’Amministrazione Comunale in massa fosse presente (perlomeno hanno incrementato un po’ il numero dei pochissimi spettatori che hanno risposto all’ invito, vedi foto ), quasi ad avallare una Associazione inesistente ed a favorire in modo plateale lo scollamento tra le varie zone del paese e questo è quanto mi è stato fatto rimarcare dai cittadini che mi hanno contattato, abbastanza confusi della situazione che si verrebbe a creare.

Viene spontanea un’altra domanda: ben sappiamo che l’Amministrazione sta passando un periodo di crisi (vedi le dimissioni del Vicesindaco, ultime dopo altre dimissioni di consiglieri e assessori) e forse c’è la volontà di creare confusione per far sì che i cittadini notino meno quanto sta accadendo nel “Palazzo“ ?. Va bene che il Sindaco ha pubblicamente dichiarato che la giunta non deve essere considerata “un posto fisso“, ma questo è contrario al voto espresso dai cittadini che hanno scelto e votato delle persone perché fossero la loro guida per gli anni della legislatura.

A parte questa parentesi un’Amministrazione che non spende una singola parola, per una Associazione operativa nel territorio da anni e regolarmente registrata nell’albo comunale, qualche dubbio lo pone, considerando anche che erano presenti il sindaco Dott. Centrella, la Vicesindaco di recente nomina Sara Fastame che ha anche i seguenti incarichi: addetta stampa, Assessore alle Politiche Sociali, Assessore alla Cultura, praticamente è il deus ex machina della giunta, il Dr. Servino – addetto esterno al Bilancio, Gianni Castellini- Consigliere e Passeri- Consigliere.

Mai successo una presenza così massiccia in occasione delle varie attività della Filarmonica di Cocquio T. , questo ti porta a fare deduzioni bizzarre.
Comunque fortunatamente siamo in clima di democrazia e confermo che la Filarmonica di Cocquio T. manterrà la propria presenza sul territorio, continuando ad allietare i cittadini che già sin d’ora ringraziamo per l’assiduità con la quale l’hanno fino ad oggi seguita.

Fernanda Ribolzi
Presidente Filarmonica di Cocquio Trevisago

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore