Tutta la Orsa si ferma per Davide: “Basta incidenti, fate qualcosa”

Dopo l'incidente sul lavoro del 30 agosto scorso in cui ha perso la vita il 39enne Davide Misto, operai e impiegati hanno scioperato per chiedere all'azienda di intervenire

presidio orsa settembre 2019

Il sentimento prevalente tra i 150 lavoratori della Orsa Foam di Gorla Minore, riuniti in presidio davanti ai cancelli dell’azienda dopo la morte del loro collega Davide Misto, è quello della rabbia. Due incidenti gravi in un mese e mezzo (uno mortale e l’altro, quello di luglio, con gravi conseguenze per il dipendente che è rimasto paralizzato) sono davvero troppi.

Per questo tutti i dipendenti (operai e colletti bianchi) hanno voluto dare un segnale di compattezza e unitarietà di fronte alla chiamata allo sciopero da parte dei sindacati di settore di Cgil, Cisl e Uil. Al presidio erano presenti i segretari generali di Filctem Lorenza Panzeri, Antonio Parisi di Uiltem e Antonio Monsurrò della Femca che hanno chiesto all’azienda un incontro per avere contezza delle misure che l’azienda intende mettere in atto per evitare qualsiasi rischio ed evitare l’imprevedibile. Secondo i sindacati, infatti, negli ultimi tempi c’è stato un calo di attenzione e di investimenti in sicurezza.

I lavoratori hanno anche lamentato un eccessivo ricorsi a contratti a tempo determinato e un carico eccessivo di lavoro che crea non poco stress, importante fattore di rischio per la sicurezza dei dipendenti.
I sindacati, invece, hanno acceso un faro sul numero di morti sul lavoro in provincia dall’inizio dell’anno sottolineando che sono già state 5 le vittime, numero in linea con l’anno scorso e con quelli precedenti. Insomma, sia a livello nazionale che a livello locale da qualche anno non si assiste più ad una diminuzione degli incidenti sul lavoro dall’esito mortale: «Siamo nelle stesse condizioni di 15 anni fa e questo è inaccettabile».

L’azienda, da parte sua, si è attivata a favore della famiglia di Davide. I dipendenti hanno chiesto che tutti, dirigenza compresa, partecipino alle esequie del 39enne di Marnate. La data del funerale non è ancora stata fissata in attesa dell’espletamento dell’autopsia richiesta dalla Procura di Busto Arsizio che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, per il momento a carico di ignoti, in attesa di capire cosa è successo quel maledetto giorno alla Orsa.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 02 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore