Le sardine riempiono la piazza di Varese

Una piazza piena di colori, di bandiere della pace e di "sardine della Memoria". In tanti infatti hanno raccolto l'invito degli organizzatori a vestirsi con mille colori, per ricordare che oggi è la Giornata di mobilitazione internazionale per la pace

Le sardine in piazza a Varese

Sono arrivate in tante, da tutta la provincia, le Sardine varesine che oggi pomeriggio hanno dato vita ad un flash mob in piazza San Vittore a Varese.

Galleria fotografica

Le sardine in piazza a Varese 4 di 26

Quasi un migliaio di persone ha riempito la piazza nel cuore della città, per portare il messaggio di questo “movimento” che anche nel Varesotto registra molti simpatizzanti.

Una piazza piena di colori, di bandiere della pace e di “sardine della Memoria”. In tanti infatti hanno raccolto l’invito degli organizzatori a vestirsi con mille colori, per ricordare che oggi è la Giornata di mobilitazione internazionale per la pace.

Un’altra importante ricorrenza si è intrecciata con il flash mob di Varese: lunedì sarà celebrato il Giorno della Memoria, e in piazza San Vittore si sono scambati pesciolini di cartone con un nome. Il nome di una persona da ricordare, perché nella sua vita ha patito la persecuzione per motivi razziali, politici o di discriminazione.

Le sardine in piazza a Varese

Un terzo tema ha caratterizzato la manifestazione delle sardine varesine, quello della solidarietà. In piazza è stato allestito un punto di raccolta per indumenti da donare alla Caritas Ambrosiana che assiste attraverso le sue strutture persone in difficoltà.

Sul palco si stanno alternando momenti di musica e interventi che hanno ribadito lo spirito di questo movimento che si ispira ai valori dell’antifascismo, della pace, della buona politica e della lotta al razzismo e alla discriminazione di genere.

Gli organizzatori


La diretta dalla piazza


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 gennaio 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Le sardine in piazza a Varese 4 di 26

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Il popolo italiano sembra diventato un’entità aliena sceso solo ieri da un’astronave che ha viaggiato nello spazio. Si diletta tra citofonate,pesce azzurro e bandierine stellate senza minimamente guardarsi intorno,sceglie sempre la stessa strada,sempre lo stesso tifo politico,le persone non contano ma viene prima l’ideologia. Basterebbe che per un attimo si guardasse intorno,vedrebbe il degrado crescente ovunque,aziende chiuse e che chiudono,negozi con le serrande abbassate,basterebbe ricordare com’era Varese e l’Italia solo 30 anni fa per capire chi ci ha amministrati e svegliarsi improvvisamente da questo torpore universale.Ma il popolo preferisce cantare Bella ciao…e si,Ciao mia bella Italia,la nazione di Michelangelo,Galileo,Volta,Enzo Ferrari,Manzoni,Verdi,solo per citarne alcuni,ha dimenticato tutto e non si guarda intorno.

Segnala Errore