Coronavirus, primo caso a Maccagno con Pino e Veddasca

Primo caso registrato in cima al Lago Maggiore. Il sindaco annuncia l'attivazione del Centro Operativo Comunale per affrontare l'emergenza

coronavirus

Primo caso di Coronavirus anche in cima al Lago Maggiore. È il sindaco Fabio Passera ad annunciarlo, con una lettera destinata a tutti i cittadini. Eccola

Vi comunico che in data odierna ho ricevuto dalle Autorità competenti la notizia che una persona residente a Maccagno con Pino e Veddasca è risultata positiva al Covid-19.
In casi come questo, il primo adempimento per l’Ente pubblico riguarda l’istituzione del Centro Operativo Comunale (C.O.C.) per l’emergenza e le funzioni di supporto, attivabili in ogni momento (h24), che rappresentano le principali attività che il Comune deve garantire alla cittadinanza sia nella gestione della crisi, sia per il superamento dell’eventuale emergenza. Tutto questo per poter affrontare qualsiasi esigenza in modo organizzativo ed evitare sovrapposizioni di attività.
In realtà il nostro Comune aveva già attuato tale adempimento il 20 marzo u.s., a seguito di un analogo caso verificatosi a Luino, Comune nostro confinante. Una condizione che impone, ad ogni buon conto, l’emissione di un’Ordinanza Sindacale che istituisce, appunto, il C.O.C.

Con questo Centro Operativo lavoreremo a fianco di diverse istituzioni locali e provinciali, oltre che con il Gruppo comunale di Protezione Civile e la Croce Rossa Luino e Valli. Persone preparate ed affidabili che sono in grado di intervenire in situazioni di difficoltà segnalate dai Servizi Sociali comunali.
Il primo pensiero va certamente alla persona ammalata, alla quale rivolgo il pensiero e l’affetto mio e dell’intera Comunità, e alla quale auguro una pronta guarigione.
L’invito pressante é, ancora una volta, quello di stare a casa. Non possono essere ulteriormente tollerati comportamenti imprudenti o addirittura negligenti, tali da mettere in pericolo la salute di tutti.

Tuteliamo in primo luogo le persone anziane, i più deboli e i malati, che meritano tutta la nostra principale attenzione e invitiamo tutti i cittadini a comportamenti responsabili, nella certezza che torneranno presto i tempi in cui potremo tutti quanti riprendere le nostre abituali attività.
Un Paese intero sta affrontando questa emergenza e tutti noi siamo chiamati a contribuire per vincere questa battaglia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore