Simone bloccato in Marocco: “Speriamo l’Italia riesca a farci tornare”

Centinaia di connazionali sono da giorni “intrappolati” dopo che Rabat ha chiuso le frontiere col nostro Paese. Mazzucchelli era partito da Arsago per una vacanza prima che la situazione si aggravasse

tour del Marocco in moto

Simone è uno degl’italiani bloccati in Marocco. Centinaia di connazionali sono da giorni “intrappolati” in Marocco, dopo che Rabat ha chiuso le frontiere col nostro Paese, in piena emergenza coronavirus.

Simone Mazzucchelli, 41 anni, è partito il 7 marzo per una vacanza prenotata da tempo: poche ore dopo sarebbe state prese tutte le misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.
Ieri, sabato 14 marzo, sarebbe dovuto tornare ma ha trovato le “porte chiuse”. Dall’Italia si è mobilitato anche suo padre, Claudio Mazzucchelli, ma senza nessun risultato. “Mio figlio oggi sarebbe dovuto rientrare dal Marocco, esattamente da Agadir – racconta – , purtroppo le partenze sono bloccate, pare per una quindicina di giorni. Personalmente ho provato a chiamare il numero telefonico dell’unità di crisi del Ministero, sempre occupato, non so a che santo appellarmi per poter dare una risposta positiva a mio figlio.
Al momento ha trovato un alloggio in hotel fino all’apertura del consolato, che avverrà lunedì. Per fortuna ha conosciuto un altro ragazzo italiano, almeno condividono questi momenti tragici”.

Simone conferma :”Siamo in camera d’albergo, ovviamente pagata da noi perché in aeroporto nessuno ci ha dato notizie, stiamo attendendo che l’ambasciata italiana di Rabat risponda e ci dica cosa dobbiamo fare. Il consolato di Agadir apre domani e proveremo a rivolgerci a loro giusto per capire come comportarci”.
Nel frattempo il Daly Muslim, il giornale dei musulmani d’Italia riferisce che molti italiani che vivono in Marocco si sono offerti di aprire le loro case ai connazionali bloccati e che potrebbero trovarsi nell’impossibilità di pagare un albergo.

di
Pubblicato il 15 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Michela Villani
    Scritto da Michela Villani

    Posso capire il disagio. Seguo le sventure di molti altri turisti come Simone, rimasti bloccati per la chiusura dei voli di rientro, sia dai media che dalla piattaforma Tripadvisor, a cui sono iscritta.
    Aggiungo solo che l’ospitalità è sacra, anche in Marocco, paese che amo . Purtroppo erano molti i dubbi sulla partenza per le vacanze quando si è scatenata l’epidemia, e molti utenti di Tripadvisor ci esprimevano questo dilemma…..partire o no? Perdere i soldi della prenotazione. “E se poi non riusciamo a rientrare”? Spero davvero di cuore che tutto si risolva per il meglio. Non so quanto possano fare l’unità di crisi e le ambasciate italiane ma so per certo che vi sarà offerta ospitalità. So che è difficile, so che è un enorme disagio. Mi auguro che o i voli delle compagnie italo/europee o i voli militari possano risolvere, se possibile, questa crisi. In bocca al lupo!
    Teneteci aggiornati. Grazie
    #purlontanisiamovicini

  2. Scritto da Rolo

    Vero quanto asserito dalla Sig.ra Villani,
    i marocchini si stanno dimostrando molto solidali e vicini agli italiani in difficoltà. Non dimentichiamolo e non disprezziamoli come facciamo abitualmente, leggete qui:
    https://www.dailymuslim.it/la-comunita-marocchina-ospita-gli-italiani-che-non-possono-ripartire/?fbclid=IwAR3mCjuXgEbOU48KSyQ1aMKONtEI0ILD1yZWK728Di6OQbjAPWj7yNtOeb4
    Rolando Saccucci

Segnala Errore