Coronavirus, arrivano a 100 i positivi a Tradate

Il punto della situazione del sindaco Giuseppe Bascialla che invita nuovamente i cittadini a rispettare le regole sull'uso della mascherina e sul distanziamento

Tradate - Comune municipio generiche

La situazione a Tradate sul numero di positivi è progredita velocemente nel giro di una settimana. Soltanto pochi giorni fa erano poco più che una trentina gli “attualmente positivi”, ma nella giornata di lunedì 26 ottobre questo numero è arrivato a sfiorare i 100 casi, con un totale da inizio pandemia che arriva a quasi 250.

Il sindaco Giuseppe Bascialla spiega che «dobbiamo seguire le regole della convivenza civile, come l’uso delle mascherine e il rispetto del distanziamento, queste cose sono fondamentali. Avete visto tutti le pesanti disposizioni di questo nuovo decreto: volete che tra un mese ci chiudono completamente tutto? Così al mattino non potremo nemmeno berci un caffè. Rispettate le norme, dobbiamo tutelare l’attività lavorativa. Invito quindi anche le persone anziane e muoversi il meno possibile, di farlo solo se è indispensabile».

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 27 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Caro Sindaco…occorre incominciare ad ammettere che nella stagione invernale un bar al chiuso può diventare un veicolo di contagio micidiale.
    https://video.lastampa.it/cronaca/coronavirus-ecco-come-un-bar-puo-trasformarsi-in-un-focolaio/117378/117395
    Purtroppo anche a Tradate ho visto fino a poco tempo fa comportamenti irresponsabili in molti locali. Giuste le sue raccomandazioni ma purtroppo in Italia molti sono restii a rispettare le regole. Cani sciolti che credono di avere sempre ragione. La scelta è semplice e riprende la campagna della Regione Lombardia. Preferite la mascherina o un respiratore?

Segnala Errore