Rapina al supermercato, un arresto a Laveno

I militari intervenuti su segnalazione di un addetto alle casse che ha fermato il cliente. Contestata anche la resistenza a pubblico ufficiale

carabinieri legnano

I carabinieri della Stazione di Laveno Mombello, sabato sera, hanno arrestato un 32enne originario del Marocco per rapina ai danni del supermercato Coop di Laveno Mombello.

I militari erano intervenuti su richiesta del personale addetto alle casse in quanto, poco prima dell’orario di chiusura, l’uomo aveva prelevato una bottiglia di vino dagli scaffali e si stava approssimando all’uscita ma senza voler pagare.

Una volta fermato dal personale addetto al negozio, è andato in escandescenza mettendosi a insultare e minacciare i presenti.

Anche con l’arrivo degli uomini dell’Arma la sua reazione non è stata da meno facendo resistenza nei loro confronti, tanto da buttare a terra persino i pannelli di plexiglass.

È stato quindi arrestato per rapina e resistenza a pubblico ufficiale e scortato presso il carcere Miogni di Varese in attesa dell’udienza di convalida del giudice del tribunale di Varese.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lenny54

    Va benissimo l’arresto e il carcere soprattutto perche’ c’e’ stata la resistenza a pubblico ufficiale, ma perche’ allora non anche per i colpevoli di omicidio stradale, bancarottieri o stalker pericolosi? O altre situazioni ben piu’ gravi? Perche’ si privilegia la difesa del patrimonio e meno quella della vita umana? Domanda: e’ un retaggio del diritto romano o eterna e cronica negligenza della politica?

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.