“Torniamo a gestire i boschi”, un patto tra comuni e privati nel Parco Campo dei Fiori

Verso la costituzione della nuova associazione "Valli delle sorgenti" per la gestione delle aree verdi sopra Luvinate. Venerdì 5 marzo incontro on line con le associazioni

Parco del Campo dei Fiori, sopralluogo della Protezione Civile Valtinella

Andare oltre l’emergenza, con una nuova ed innovativa programmazione per una gestione unitaria e pluriennale dei boschi sopra Luvinate nel Campo dei Fiori: tornare a gestire il bosco significa ricominciare a prenderci cura in maniera sostenibile del territorio, diminuendo i rischi legati all’abbandono e al cambiamento climatico, ed esaltandone tutti i valori ambientali e sociali.  E’ questo l’obiettivo del nuovo progetto avviato dal Comune di Luvinate e dall’Ente Parco Campo dei Fiori che sta prendendo forma e sostanza in queste settimane, con la costituzione di una nuova associazione, chiamata “ASFO Valli delle Sorgenti”, coerente con la recente normativa regionale: unire tutti i proprietari interessati, pubblici e privati, in un’unica realtà capace di governare, gestire e curare i boschi in una logica unitaria, condivisa e di sistema.

CONTATTATI QUASI CENTO PROPRIETARI PRIVATI – Un lavoro certosino che sta passando attraverso il contatto quasi personale delle decine e decine di proprietà private in cui è parcellizzato il versante sud del Campo dei Fiori. Una situazione che per motivi economici ed organizzativi ha impedito di fatto la regolare manutenzione che prima della seconda guerra mondiale era una normale attività per il pascolo delle mucche e per la legna dei camini con cui scaldarsi.  Il Comune ha inviato quasi 100 lettere ed i contatti con molte persone stanno proseguendo settimanalmente per il raggiungimento dell’obiettivo.

UN BOSCO CURATO E’ UN BOSCO CHE PROTEGGE, NON SOLO EMERGENZA, MA PROGRAMMAZIONE – “Un bosco gestito in maniera sostenibile è una priorità non solo di carattere paesaggistico, ma anche in termini di sicurezza e protezione per le comunità locali. Stiamo lavorando per attuare interventi di mitigazione del rischio sul Tinella con investimenti di ulteriori 500.000 €  dopo gli incendi e le alluvioni degli scorsi mesi ed anni. Ma questo non basta: il problema non è a valle, con il Tinella, ma a monte, nei boschi. Ed è lì che dobbiamo intervenire. Siamo a buon punto –sottolinea il sindaco di Luvinate Alessandro Boriani– e presto fisseremo la data per la costituzione formale dell’associazione. Una sorta di startup ambientale, normale da anni in Piemonte e da decenni in Francia e Svezia, e che vogliamo realizzare ora proprio nei nostri boschi, fra le prime esperienze in Regione Lombardia, per cambiare la storia dei nostri boschi”.

SUPERARE LA FRAMMENTAZIONE DELLE PROPRIETA’ – “Siamo lieti di contribuire all’avvio di questo percorso –sottolinea il presidente dell’Ente Parco Giuseppe Barra– approvato lo scorso novembre dalla Comunità del Parco. Intendiamo così affrontare la parcellizzazione delle proprietà che da sempre rappresenta un limite per una gestione organica e condivisa dei boschi. Siamo certi che questa associazione potrà rappresentare un punto di svolta per il territorio”.

PER INFORMARSI E PARTECIPARE, LINK E MATERIALE – “L’invito per tutte le persone interessate e soprattutto per i proprietari di boschi in questa zona è di utilizzare il materiale che abbiamo messo a disposizione per approfondire il progetto e di mettersi in contatto con noi per entrare nei dettagli. Siamo a vostra disposizione per valorizzare assieme questo territorio.  Sul sito del Comune – sottolinea Luca Colombo, Agente di Sviluppo Locale e coordinatore tecnico del progetto – è stata per questo creata una pagina ad hoc con tutte le informazioni e le slides : https://www.comune.luvinate.va.it/asfo-valli-delle-sorgenti/”.

AL VIA CONFRONTI CON GLI STAKEHOLDERS LOCALI – Il progetto ASFO Valli delle Sorgenti non intende però essere qualcosa calato dall’alto, ma che parte dai cittadini e da tutti i soggetti attivi sul territorio. “Per questo stasera, venerdì 5 marzo, ci confronteremo con le associazioni attive e sensibili dal punto di vista ambientale sul territorio; ovviamente da remoto per la situazione epidemiologica in corso. Proseguiremo poi – conclude il sindaco – con un nuovo appuntamento con gli stakeholders economici e sociali che stiamo individuando ed infine realizzeremo un momento di confronto con tutti i soggetti politici ed istituzionali. Il ruolo delle Amministrazioni è di portare questa opportunità alla nostra comunità, per far sì che possa essere colta ed utilizzata al meglio per il benessere comune”.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 05 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.