Un altro finale da brividi, ma stavolta l’Openjobmetis vince

Una tripla di Wayns regala l'ultimo sorpasso a favore di Varese (82-81) che vince Gara 1 degli ottavi contro i turchi di Gaziantep. Bene Faye e il nuovo acquisto Wright

Foto di Mattia Ozbot

Se la Openjobmetis non fa rischiare l’infarto ai suoi tifosi, non è contenta. Ma a differenza di domenica scorsa, il finale da brividi questa volta è positivo: i biancorossi di Moretti vincono in casa contro i turchi di Gaziantep e si portano avanti nella serie playoff per 1-0. Certo, il divario è minimissimo, 82-81, e arriva a meno di 2” dalla fine grazie al discusso Maalik Wayns che scocca dall’arco dei 3 punti il tiro che vale la partita.

Galleria fotografica

Openjobmetis - Gazientep 4 di 37

Ma riavvolgendo il nastro di qualche istante, ancora una volta, si vede come Varese abbia rischiato l’harakiri: libero sbagliato di Kangur, personali a segno di Stone per gli ospiti (-1) e pasticcio sulla rimessa tra l’estone e Faye. Ovvio che arrivi il canestrone di Calloway, ma stavolta Wayns ha trovato il tiro giusto e Rautins – ottimo: 23 punti dell’ex – abbia fallito una difficile tripla sulla sirena.

Raccontati gli ultimi, vibranti secondi, bisogna far notare che se la Openjobmetis avesse giocato così domenica, avrebbe strappato i due punti a Capo d’Orlando e di questo ne siamo convinti. Non che i biancorossi abbiano giocato la partita perfetta: altalenanti in difesa (29 punti subiti nei primi 10′, poi un quarto da retroguardia di ferro), strani in attacco dove il tiro da 3 punti è stato usato pochissimo. Anche palla in mano Varese ha vissuto alcuni preoccupanti momenti di vuoto, ma stavolta è riuscita a scuotersi prima di cadere troppo in basso, almeno in un paio di occasioni. Re per una notte Muhammad Faye, 21 punti più 10 rimbalzi e tanta tanta voglia; la gente però gli ha preferito Chris Wright che – lo ammette anche Moretti – è ancora indietro di condizione ma ha preso in mano con piglio la squadra. Bene anche il solito Ferrero e Davies, per una volta sveglio fin da subito. Gli ospiti hanno confermato le attese della vigilia: squadra di discreto talento ma a propria volta capace di pasticciare sotto pressione e di commettere errori non forzati. Insomma, pensare di passare il turno non è utopia, e forse non lo è neppure in due partite a patto di evitare certi scivoloni davvero banali e sciagurati. Mercoledì prossimo il responso: qualificazione o “bella” ?

VENTI E TRENTA – Le ultime prove di campionato hanno probabilmente abbassato ancora di più l’interesse verso questa squadra e verso la Fiba Europe Cup, che da queste parti non è mai decollata. Prima del via la Curva srotola uno striscione che invoca le dimissioni, il coro successivo è ostile al presidente Coppa e raccoglie un po’ di applausi dalle tribune. Applausi per Andy Rautins, subito in quintetto per coach Dedas mentre Moretti dà subito il ruolo di play titolare a Wright con Wayns al suo fianco. Lo straniero escluso è dunque Varanauskas.

Foto di Mattia Ozbot
La tripla della vittoria di Wayns – Foto M. Ozbot

LA PARTITA – Che sia un match vivace lo si capisce subito: Rautins si accende immediatamente ma anche Davies è in partita fin dall’avvio. Il punteggio lievita ma ad approfittarne sono gli ospiti con le bombe di Williams; Varese sta a guardare in difesa e il risultato sono 29 punti subiti (a 22).
Moretti però trova le parole giuste nell’intervallino: i biancorossi crescono di colpo in difesa, ci mettono un po’ a rimontare ma poi trovano sorpasso e allungo con Faye. L’unico fuori giri è Kuksiks che fatica in ogni circostanza; all’intervallo comunque è vantaggio, 41-39.

Periodo “dispari”, periodo infausto per la Openjobmetis che prima cerca di allungare, poi però deve subire un nuovo sorpasso dal Royal Hali, con Calloway diventato molto più incisivo e Rautins tornato pericoloso. Il parziale alla mezz’ora non lascia tranquilli: 55-62.

IL FINALE – Varese ha il merito di non scivolare più in giù e, anzi, a poco a poco torna in scia con Wright e Davies. Pareggio e sorpasso sono opera di Wright con 5 punti in fila (67-64) poi i biancorossi toccano il +6 con Faye ma Rautins in lunetta non sbaglia un colpo. Si va così alla volatona lunga: Faye e Rautins si rispondono da 3 punti poi – sul +2 Varese – Ogut sbaglia una tripla da liberissimo e dà ai padroni di casa un vantaggio nelle ultime gestioni. Non basta, perché in lunetta qualcosa si lascia sempre e la frittata sulla rimessa tra Kangur e Faye permette a Calloway di sorpassare a meno di 15” dalla fine. Wayns stavolta però infila un triplone e dopo il timeout Varese rende difficile l’esecuzione a Rautins che si dispera: il primo round è biancorosso.

Damiano Franzetti
damiano.franzetti@varesenews.it

VareseNews è da anni una realtà editoriale, culturale e sociale fondamentale per il territorio. Ora hai uno strumento per sostenerci: unisciti alla membership, diventa uno di noi.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Febbraio 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Openjobmetis - Gazientep 4 di 37

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.