E’ polemica sulla sosta gratis (ma solo in alcune vie)

Sono 25 le vie in cui torna il parcheggio gratuito. Secondo le opposizioni sono poche e Movimento Libero da fine luglio vuole raccogliere le firme

Davide Galimberti

Prima grana per la giunta. Sta per partire una raccolta di firme organizzata da Movimento Libero contro la nuova sosta gratuita solo in 25 vie del centro storico. Alessio Nicoletti, leader del gruppo, vuole chiamare a raccolta, in particolare, gli esercenti delle vie rimaste escluse dalla sosta gratis.

(Nella foto sopra sono tutte sottolineate in giallo)

Ecco intanto le vie in cui tornerà la sosta senza pagamento:

Avegno, Volta, Manzoni, Orrigoni, XX Settembre, Sabotino, De Cristoforis, Aguggiari, Staurenghi, Morazzone, Adamoli, San Michele, Hermada, Salvo D’Acquisto, via della Brunella, Procaccini, XXV aprile, Cairoli, XXVI maggio, Garibaldi, Carcano, Lazio, Tamagno, Marcello, Giovanni XXIII.

Ieri Legambiente e Faib Ciclocittà hanno criticato la delibera, ma per il motivo opposto: non sarebbe giusto far parcheggiare gratis.

La storia di questo caso è nota.

In campagna elettorale il sindaco Galimberti aveva detto che la situazione sarebbe tornata quella precedente al 2012, quando la giunta Fontana eliminò le agevolazioni. Nella delibera portata alla prima riunione di giunta il sindaco ha però modificato le sue intenzioni: ha confermato l’abolizione dell’euro di pagamento serale oltre le ore 20, ma ha trasformato la sosta gratuita del mezzogiorno in una sola ora (invece di 2), dalle 13 alle 14. Il piano prevede inoltre che si possa parcheggiare gratis solo in 25 vie cittadine. Mentre la decisione se far diventare gratuita la prima mezzora di sosta, annunciata in campagna elettorale, è stata rimandata alla valutazione di uno studio di Avt. La delibera dice che si tratta di una sperimentazione fino al 30 novembre.

davide galimberti

(il sindaco Davide Galimberti)

Nicoletti sostiene che Galimberti non abbia quindi rispettato la promessa, e contesta il fatto che non siano state incluse nel piano gratuito altre strade molto centrali. Il motivo per cui sono state scelte queste e non altre strade, è stato spiegato durante una conferenza stampa, è che le 25 vie sono quelle che favoriscono il lavoro locali di ristorazione. Ma secondo Nicoletti nelle vie escluse dalla sosta gratuita vi sono altrettanti locali che ne verrebbero penalizzati. Anche la Lega Nord, con l’ex assessore Carlo Piatti, ha sostenuto che realizzata in questo modo, la promessa della sosta gratuita non sia stata del tutto mantenuta.

Ma è coerente la posizione di Movimento Libero? Nel 2016 si è presentato alle elezioni insieme al centrodestra e il loro programma non prevedeva il ritorno della sosta gratuita. Tuttavia quando nel 2012 la giunta votò il ritorno al pagamento Alessio Nicoletti era all’opposizione. Piatti era invece nella maggioranza che ha tolto la sosta gratuita.

Roberto Rotondo
roberto.rotondo@varesenews.it
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 19 Luglio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Gibbo
    Scritto da Gibbo

    Se volete c’è la sosta libera in via Piave (sarcasmo), in pratica è una via a una sola corsia oramai..

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.