Colombo: “Ecco perché non vieterò i botti a Capodanno”

Il sindaco: "Amo gli animali e passerò la mezzanotte con i miei cani, ma l'ordinanza non ha senso"

Consulta canina

«Amo gli animali, ho cinque cagnoloni e passerò la mezzanotte con loro, finché ci saranno i rumori più forti. Ma l’ordinanza anti petardi e fuochi d’artificio non serve a nulla».

Marco Colombo, sindaco di Sesto Calende, è tra i primi cittadini che hanno scelto di non vietare l’uso dei botti a Capodanno. «Invito tutti i sestesi all’uso responsabile di questi prodotti, a non esagerare e soprattutto ad acquistare articoli sicuri perché come ogni anno i rischi di un uso improprio e di petardi irregolari sono altissimi. Se come me amate gli animali, siate responsabili».

Perché dunque non vietarlo? «Perché le ordinanze servono ad altro e la recente sentenza del Tar contro il sindaco di Roma ne è la dimostrazione. Inoltre sarebbe oggettivamente impossibile farla rispettare».

di
Pubblicato il 29 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Inchiniamoci ai cani, al loro benessere, facciamoli le sedute psicoterapeutiche e vietiamo dei legali ed innocenti botti. L’uomo diventa servo dell’animale, ma badate bene, di una sola specie di animale.
    Poi vieteremo il cotechino con le lenticchie per rispetto dei vegani.
    Poi vieteremo il Natale per rispetto dei credenti delle altre religioni e degli atei (come me, per esempio).
    Poi chissà cosa verrà in mente a questa gente annoiata e viziata che si sa esprimere a colpi di inutili e frivole ordinanze….
    Sapete che vi dico… che avete veramente stancato…..il rispetto si ottiene con il rispetto…non si chiede di poter far esplodere i candelotti di dinamite ma qualche fontana colorata e dall’altra parte si chiede per una volta che il vostro cane possa sentire qualche pim-pum senza che i padroni se la menino all’umanità intera. Del resto siete proprio voi, padroni di cani, che li trattate ed elevate come delle persone. Quindi come surrogati di esseri umani possono benissimo sopportare 10 minuti di pim-pum sparsi.

    1. Scritto da matteo C

      10 minuti di”PIM-PUM” ???? ma dove??????
      dalle mie parti sembra scoppiare la 3° guerra mondiale….per ore….
      Trovo molto riduttivo fermarsi a pensare che queste ordinanze siano pennellate ad uso e consumo degli animali domestici.
      Nessuno valuta il lato umano, della propria e altrui incolumità, dove anche bambini inconsapevoli pagano per il divertimento di adulti col tasso alcolemico stellare..
      Mi auguro che il 1° gennaio non si debba leggere il solito bollettino di guerra….
      altro che cagnolini impauriti!!!!!

Segnala Errore