Conversazioni a Teatro con il Cardinal Scola

L'appuntamento è per sabato 10 dicembre. Al termine dell’incontro, l’Arcivescovo inaugurerà la struttura del Centro Gulliver di Cantello

Il cardinale Scola all'ospedale di Tradate

Sabato 10 dicembre si preannuncia una giornata intensa per il Centro Gulliver, densa di appuntamenti importanti. Alle 10 al Teatro Santuccio di via Sacco, ultimo incontro per il ciclo “Pensare Futuro. Analizzando i bisogni insieme riprogettiamo il futuro”. Questa volta sarà con noi il Cardinale Angelo Scola, arcivescovo di Milano: converseremo insieme sul tema “Il pensiero di Cristo in una convivenza plurale”. Farà da moderatore Valerio Melandri, una delle maggiori autorità nel campo del fundraising italiano.

Il Cardinal Scola, da sempre attento anche alla dimensione solidaristica della comunità cristiana, confermerà un atteggiamento preferenziale per la cura delle persone in difficoltà, continuando l’atteggiamento di vicinanza al Centro Gulliver manifestato dal Card. Martini prima e dal Card. Tettamanzi, poi. D’altra parte, anche la conclusione del Giubileo della Misericordia può essere un richiamo alla relazione di aiuto nelle situazioni di sofferenza da parte della Chiesa.

“Sono soddisfatto – racconta don Michele – perchè questi incontri ci hanno offerto una preziosa opportunità per fermarci a riflettere sia a livello personale, sia come servizio socio educativo offerto alla cittadinanza, in un contesto politico, economico, organizzativo e spirituale che continua a cambiare. Dopo 30 anni Gulliver vuole porsi con rinnovata professionalità sul territorio per curare la dipendenza, ma anche per creare nuovi presidi socio-educativi e spirituali per le nuove generazioni.”

Al termine dell’incontro al Santuccio, l’appuntamento sarà a Cantello alle 12.30, in via Pianezzo 3, dove l’arcivescovo benedirà e inaugurerà la Casa Nuovi Orizzonti, che ospita due comunità psichiatriche del Centro Gulliver.

Il Gulliver, infatti, da anni lavora “in trincea” per affrontare disturbi mentali e disagio psichico, sia a livello di cura, sia come prevenzione. “In questi ultimi anni, per rispondere al bisogno dilagante di cura, abbiamo aperto diverse comunità a doppia diagnosi (per tossicodipendenti psichiatrici). Ma il luogo privilegiato in cui rispondiamo al bisogno di cura nell’ambito della salute mentale è Cantello, dove siamo presenti con la casa “Nuovi Orizzonti”.

“In questi mesi, la casa di Cantello è stata protagonista di un’imponente ristrutturazione: “abbiamo sostenuto un importante impegno – racconta don Michele – per ampliare la struttura. Adesso, al termine dei lavori, siamo in grado di ospitare altre 10 persone nella comunità a media assistenza e di progettare percorsi di accompagnamento all’autonomia attraverso i due appartamenti protetti che abbiamo ricavato. Un grande grazie alla Fondazione Eurojersey che da sempre ha considerato la Comunità di Cantello il fiore all’occhiello delle sue strutture di solidarietà!”

L’inaugurazione della Casa Nuovi Orizzonti di Cantello sarà anche l’occasione per lanciare la Campagna di fundraising “Non restare im…mobile”, per arredare le camere degli Ospiti di Cantello e renderle belle, accoglienti e sicure.
Ricordiamo anche che per tutto il mese di dicembre e fino al 16 gennaio 2017 il Centro Gulliver con la campagna “Non restare im…mobile” partecipa all’iniziativa “Il Mio Dono” promossa da UniCredit.

Vota la campagna del Gulliver on line CLICCA QUI

Per informazioni: Ufficio Comunicazione e Fundraising comunicazione@gulliver-va.it tel 342 1343593

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore